Morte Khashoggi, Pd, M5s e LeU contro Renzi. L’ex premier: “Giusto avere legami con quel Paese”.

ROMA – Pd, M5s e LeU contro Renzi dopo le accuse a Bin Salam per la morte del giornalista Jamal Khashoggi. L’allenza giallorossa ha chiesto all’ex premier di chiarire i propri rapporti con l’Arabia Saudita.

Una richiesta unanime arrivata dai partiti che con il leader di Italia Viva hanno formato una maggioranza di governo fino ai primi giorni del nuovo anno. Non si è fatta attendere la replica di Matteo Renzi, arrivata nella sua consueta e-news.

Renzi: “Normale avere rapporti con quel Paese”

La replica alle accuse da parte di Matteo Renzi è arrivata nella sua consueta e-news: “L’Arabia Saudita è un baluardo contro l’estremismo islamico ed è necessario intrattenere rapporti con quel Paese […]. Il presidente Biden ha riaffermato la necessità di questa amicizia in una telefonata al Re Salam […]“.

Non è mancato un attacco da parte del leader di Italia Viva ai suoi ex alleati: “Sono felice perché in queste settimane, dopo la fine dell’esperienza del Governo Conte, i CinqueStelle, il PD e persino LeU sono dilaniate da polemiche interne. Litigano su tutto, a cominciare dai posti al governo. Sono davvero felice di essere uno dei rari motivi di unità: si ricompattano solo per sparare a zero su di me […]. Mi spiace che la vicenda saudita venga utilizzata per coprire le difficoltà interne e per giustificare un’alleanza dove si sta insieme contro l’avversario e non per un’idea politica“.

MATTEO RENZI
MATTEO RENZI

La morte di Khashoggi

Le polemiche sono nate dopo la pubblicazione del rapporto della Cia sulla morte di Khashoggi. Omicidio che vedrebbe il coinvolgimento del principe ereditario Mohammed Bin Salaman. E proprio Renzi fa parte della fondazione del principe saudita. Un braccio di ferro destinato a durare ancora per diverso tempo.


Zona Bianca, cos’è e quali sono le regole

Coronavirus, Italia più arancione. Speranza ha firmato la nuova ordinanza