Jack Miller pronto per la nuova stagione in MotoGP, il pilota Ducati deve difendere il posto dai giovani che vogliono la sella ufficiale.

Dopo un 2021 alternato con alti e bassi, Jack Miller è consapevole di non poter permettersi un’altra stagione in negativo nel team ufficiale Ducati in MotoGP. Dato che sente il fiato sul collo dei giovani Jorge Martin ed Enea Bastianini, più che mai motivati ad emergere e a soffiargli la sella ufficiale.

Certamente l’australiano è uno dei personaggi più simpatici del paddock, ma anche per il suo carisma, che spicca decisamente rispetto alla media dei piloti, queste le sue parole: “Se sono il più pazzo? Difficile da dire. Nella mia mente mi considero normale, anche se diverso dagli altri. Anche solo perché tutto il paddock è europeo e io sono australiano. Quantomeno cerco sempre di essere onesto, per quanto posso, provando a non dire stupidaggini”.

Jack Miller
Jack Miller

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Continua l’intervista di Jack Miller

MotoGP, il pilota della Ducati Jack Miller parla al giornale spagnolo Marca: “A fine 2021 c’erano tre nostre moto sul podio e questo mostra quanto fosse buona la nostra moto. Gli altri marchi hanno lavorato duramente in inverno, ma penso che abbiamo una delle moto migliori in griglia. Anzi, a mio parere è la migliore. Penso che abbiamo davvero una grande squadra e io stesso mi sento più tranquillo.”

Conclude: “Sapere di essere in sella alla moto migliore e di avere alle spalle un grande team, mi fa sentire più motivato che mai. Sono nelle migliori condizioni mentali e fisiche di sempre. Voglio fare la miglior stagione possibile. L’elenco dei miei possibili sostituti è ampio, se non faccio il lavoro che devo fare, è naturale che possano prendere il mio posto. Non c’è molto di più che possa fare: darò il massimo e se non sarò abbastanza bravo, questa è la vita”.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 03-03-2022


MotoGP, Yamaha, Quartararo: “Siamo pronti a iniziare la nuova stagione”

Da Apple alla Mercedes, le aziende che hanno deciso di non investire in Russia