Un uomo di 61 anni muore a Grosseto. L’autopsia conferma che aveva la malattia di Creutzfeldt-Jakob, paragonata al morbo della mucca pazza.

Secondo quanto emerso dall’autopsia effettuata dall’ospedale Lazzaro Spallanzani di Roma, un uomo di sessantuno anni sarebbe morto a causa di una malattia: proprio quella che viene associata al morbo della mucca pazza. Le indagini in corso lavorano per ricavare informazioni sulla certezza della malattia dell’uomo per salvaguardare la salute della popolazione.

Mucca pazza
Mucca pazza

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Cosa è emerso?

Lo scorso maggio a Grosseto, in Toscana, un uomo muore a causa di una malattia che viene associata al morbo della mucca pazza. A confermarlo è stata l’autopsia effettuata allo Spallanzani di Roma. Mentre la famiglia si è rivolta al medico legale Luigi Cipolloni, ad occuparsi del caso è stata la dottoressa Franca del Nonno sotto richiesta della Procura.

La malattia che ha causato il decesso del 61enne è stata la malattia di Creutzfeldt-Jakob, la quale progredendo porta alla demenza del soggetto. Solo il 15% delle persone che contraggono il morbo riescono a sopravvivere più di due anni. I sintomi che provoca la malattia sono un cambiamento repentino della personalità, la demenza, convulsioni, perdita di memoria e allucinazioni.

Oltre a poter essere contratta per via ereditaria o tramite innesti corneali, la causa della malattia può derivare dall’assunzione di carne di animali infettati con la forma bovina della malattia. Da ciò, si deduce la correlazione con il morbo della mucca pazza. Sono in corso indagini per accertarsi della causa della malattia dell’uomo. In caso dovesse trattarsi con sicurezza del morbo derivante dall’animale, verrebbe individuato e circoscritto la zona dell’allevamento infetto per la salute pubblica.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 16-09-2022


Maltempo nelle Marche, Draghi: “Subito 5 milioni”

Alluvione Marche: ancora tre i dispersi