Napoli-Milan 1-1, il gol di Rijkaard fa vincere lo Scudetto ai rossoneri

Dopo i duelli delle stagioni precedenti, Napoli-Milan non è più un match Scudetto ma è proprio al “San Paolo” che arriva la matematica. L’1-1 finale (gol di Rijkaard) consegna il titolo agli uomini di Capello.

chiudi

Caricamento Player...

Nel campionato 1991/92 la sfida Napoli-Milan non ha più la valenza di poche stagioni prima, quando azzurri e rossoneri si contendevano la vittoria dello Scudetto. Se, infatti, il club meneghino punta a ritornare a dettare legge in Italia dopo il 2° posto alle spalle della sorpresa Sampdoria, per quello partenopeo le prospettive sono tutt’altro che positive dopo la squalifica per doping nei confronti di Maradona, il leader assoluto della formazione campana.

Subito al comando

Il Milan guidato da Capello, il quale raccoglie la pesante eredità di Sacchi, fa capire subito le intenzioni. Grazie a una difesa solidissima e al talento degli attaccanti, infatti, Baresi e compagni vanno subito in testa alla classifica. La grande forza dei rossoneri è la continuità, dato che il Milan non perde mai, muovendo sempre la propria posizione in graduatoria. Van Basten segna come non mai (sarà capocannoniere con 25 gol), Simone è più di una soluzione e Massaro realizza reti pesantissime.

Il gran finale al “San Paolo”

Il 10 maggio 1992, Napoli-Milan a tre gare dalla fine può dare la matematica vittoria dello Scudetto ai rossoneri. Capello manda in campo Van Basten e Massaro in attacco e al 37′ è proprio una grande giocata dell’olandese a mandare in gol Rijkaard, il quale batte l’ex Giovanni Galli con un preciso diagonale sinistro. Nella ripresa, il Napoli riesce a trovare il pareggio con Blanc: la difesa rossonera sbaglia il fuorigioco e il francese batte Antonioli con un colpo di testa. Poco male perché a Parma la Juventus – seconda in classifica – non va oltre lo 0-0. Al triplice fischio, il Milan può esultare per il ritorno alla vittoria dello Scudetto.