Conferenza stampa prepartita per Spalletti che si gioca con il suo Napoli il big match contro una delle sue ex squadre: L’Inter.

Luciano Spalletti ha parlato alla vigilia di Napoli-Inter, queste le sue parole alla domanda su Koulibaly: “Dirvi se Koulibaly giocherà o meno dal primo minuto è irrispettoso nei confronti di chi dovrebbe lasciargli il posto. E’ chiaro che è un calciatore differente, anche dal punto di vista umano e si è visto nella finale di Coppa d’Africa, quando è andato a salutare per primo chi aveva sbagliato il rigore. C’è da tenere presente anche chi ha giocato però e come ha giocato in sua assenza. Chiunque sceglierò, farà bene, ma domani scioglierò i dubbi”.

Il tecnico parla anche della partita con l’Inter: “E’ una bella situazione, sarà una partita importante. Abbiamo avuto il sorriso in questa settimana, felici di giocare una partita del genere e consapevoli che, in caso di vittoria, potrebbe rinnovarsi anche questo nuovo obiettivo. Abbiamo avuto diverse difficoltà, ma ci siamo difesi bene e abbiamo superato, si spera, questo periodo complicato. Dobbiamo lavorare bene”.

Viene chiesto se per lui è una rivincita personale contro l’Inter: “Non ho nessuna rivincita da prendere. Devo essere un professionista e avere la fortuna di avere dei calciatori che ti danno la possibilità di fare bella figura. Questa è una gara importante da giocare, ci arriviamo dopo aver costruito qualcosa già dai ritiri estivi. Le carriere di tutti noi dipendono da queste gare qui, ci teniamo tantissimo e per me non sarà una rivalsa. Lì ho lasciato calciatori che stimo moltissimo e che so che stimano me”.

Luciano Spalletti
Luciano Spalletti

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Il tecnico del Napoli continua durante la sua intervista

Così Luciano Spalletti analizza il match contro l’Inter: “Spesso parliamo di un condominio delle squadre al vertice, loro sono probabilmente gli amministratori di questo condominio perché sono i campioni in carica. Li troveremo un pochino arrabbiati, perché le squadre forti odiano perdere. Noi li rispettiamo, ma non deve cambiare il nostro nome e il nostro atteggiamento.”

“Parlando con la squadra gli ho detto che erano stati bravi a giocare la gara di Venezia come se fosse l’Inter, ora dobbiamo giocare con l’Inter come se fosse il Venezia. Non deve cambiare il nostro atteggiamento, il rispetto verso la nostra gente che ci viene a vedere anche domani. Possiamo anche perderla la gara, ma non possiamo tradire nei nostri comportamenti. Mi aspetto l’Inter che conoscono, loro hanno delle caratteristiche in cui sono più forti di noi, ma noi ne abbiamo altre in cui siamo più forti di loro. Bisognerà capire chi riuscirà a portare la gara sulle proprie caratteristiche migliori”.

Viene chiesto alla fine, che atteggiamento avrà il suo Napoli: “Dobbiamo mantenere quella calma che ci fa richiamare al meglio la nostra qualità. Noi non abbiamo la fisicità di quelli feroci, l’Inter su questo è più fisica di noi. A San Siro dopo il nostro 1-0 abbiamo perso qualche pallone di troppo. Quella gara io l’ho utilizzata per preparare questa gara qui, l’ho rivista bene. Cercheremo di essere più veloci in alcune fasi dello sviluppo della manovra”.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

calcio news

ultimo aggiornamento: 11-02-2022


Napoli-Inter: probabili formazioni, Lautaro Martinez sfida Osimhen

Bologna, Sinisa Mihajlovic: le parole in vista del match contro la Lazio