Giorgio Napolitano dimesso dallo Spallanzani di Roma dopo un’operazione all’addome. Il decorso è stato regolare.

L’ospedale Spallanzani di Roma ha dimesso il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano dopo aver effettuato l’intervento. Per quanto riguarda il quadro clinico, il suo decorso post-operatorio sarebbe stato regolare, dopo aver subito un intervento all’addome. L’ospedale ha dimesso iIl presidente nella mattinata odierna dal reparto di chirurgia generale e dei trapianti.

L’ospedale Spallanzani, dove il presidente era ricoverato, ha annunciato la notizia del “decorso post-operatorio regolare”. Per cui adesso, il presidente dovrà fare una terapia riabilitativa conclusiva dell’operazione subita.

Giorgio Napolitano
Giorgio Napolitano

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Le condizioni post-operatorie

L’ospedale Spallanzani ha comunicato il 21 maggio l’intervento del presidente: «Il Presidente Emerito è stato sottoposto ad un intervento chirurgico dall’equipe del Prof. Giuseppe Maria Ettorre presso il Dipartimento Interaziendale dell’Azienda San Camillo-Forlanini ed Inmi Spallanzani. L’intervento – scriveva l’istituti – condotto con tecnica mininvasiva è riuscito. Attualmente il paziente è ricoverato presso la Terapia Intensiva dell’Inmi Spallanzani. Il Presidente è sveglio con quadro clinico stazionario. La prognosi resta riservata». Considerando la sua età, si può dire che il presidente abbia un buon quadro clinico.

A operazione conclusa, Giuseppe Maria Ettorre, del Dipartimento interaziendale dell’azienda San Camillo-Forlanini ed Inmi Spallanzani di Roma, chirurgo addominale a capo dell’équipe che ha operato Napolitano, ha spiegato che ora «Sta bene ed ha superato l’intervento. Le sue condizioni sono compatibili con quelle di un paziente della sua età».

Francesco Vaia, direttore generale dell’ospedale Spallanzani, fa i suoi auguri al presidente. «A nome mio personale e dell’Istituto al presidente i migliori auguri di pronta guarigione».

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 30-05-2022


Incisa la parola “vergogna” sulla pelle di una bambina

Napoli, due sorelle sfregiate con l’acido nella notte