Netanyahu contestato, lui replica: "Israele o i mostri di Hamas"
Vai al contenuto

Direttore: Alessandro Plateroti

Netanyahu contestato, lui replica: “Israele o i mostri di Hamas”

Benjamin Netanyahu

Proteste contro Netanyahu nel corso della Giornata in memoria dei soldati caduti. Il Premier di Israele replica a tono e attacca Hamas.

Nel giorno in cui Israele ha celebrato la Giornata in memoria dei soldati caduti, Benjamin Netanyahu è stato contestato da fischi e non solo. Il conflitto con Hamas e la gestione della situazione in termini di ostaggi sta portando grandi tensioni che si sono fatte sentire in queste ore con le proteste e le contestazioni. Dal canto suo, il Premier ha voluto replicare in tono forte sottolineando la necessità di eliminare l’organizzazione avversaria.

Bonus 2024: tutte le agevolazioni

proteste bandiere israele

Israele, Netanyahu contestato

Nel giorno del lutto in ricordo dei caduti, le cerimonie previste in Israele hanno registrato contestazioni a Benyamin Netanyahu e ai ministri del suo governo. In primis ad Itamar Ben Gvir. Dal canto suo, il Premier, nel suo discorso dal Monte Herzl a Gerusalemme, ha tenuto a sottolineare e andare al contrattacco: “O noi, Israele, o loro, i mostri di Hamas“. Frasi che, secondo i media citati dall’Ansa, sono state, di fatto, sommerse dalle proteste dei parenti dei caduti.

Sempre secondo l’Ansa, un uomo è stato fotografato mentre srotolava una bandiera con la scritta ‘7/10’ in rosso, in quello che è stato giudicato un apparente riferimento alla mancata assunzione di responsabilità da parte del Premier israeliano per l’attacco subito da parte di Hamas, il sette ottobre scorso appunto.

I ministri nel mirino delle proteste

Oltre al Premier israeliano, a fare le spese della contestazione sono stati anche i suoi ministri. In modo particolare nell’occhio del ciclone ci è finito Ben Gvir al quale, stando all’Ansa, è stato gridato da una signora nel cimitero di Ashdod ‘criminale che ci fai qui?’. Contestazione e proteste anche in altre zone del Paese: da Miri Regev a Yoav Gallant, da Gila Gamliel a Yitzhak Goldknopf. A testimonianza del clima infuocato.

Riproduzione riservata © 2024 - NM

ultimo aggiornamento: 14 Maggio 2024 8:33

Attivismo e interruzioni: protesta drammatica agli internazionali d’Italia

nl pixel