Nipote spara e uccide il nonno: una terribile lite per futili motivi
Vai al contenuto

Direttore: Alessandro Plateroti

Nipote spara e uccide il nonno: una terribile lite per futili motivi

Ombra di un uomo con una pistola

Violenza a Frosinone: un alterco familiare su questioni di confine finisce in tragedia con un nipote che uccide il nonno.

Questa mattina, a Frosinone, Alessandro Dell’Uomo ha sparato e ucciso suo nonno Silvio Scaccia, 75 anni, dopo una disputa riguardante questioni di confine.

Come fare soldi con le criptovalute e guadagnare?

L’episodio, che ha sconvolto la tranquilla frazione di Veroli, ha visto una guardia giurata di 40 anni perdere il controllo e fare fuoco con la sua pistola.

Ombra di una mano con una pistola

Spara al nonno per una questione di confini: la dinamica dei fatti

Secondo quanto riportato da IlGiornale.it, la sparatoria è avvenuta intorno alle 7:00 del mattino di domenica 9 giugno. Alessandro Dell’Uomo stava rientrando a casa dopo un turno di notte, quando si è imbattuto in una disputa con i suoi parenti.

La discussione, che sembra essere stata causata da problemi di confine o di parcheggio, è rapidamente degenerata.

In preda alla furia e alla stanchezza, Dell’Uomo ha estratto una pistola calibro 22 e ha esploso diversi colpi, uccidendo il nonno sul colpo. Nella sparatoria è stato ferito anche il figlio di Scaccia, un uomo di 47 anni.

Il tentativo di suicidio e l’intervento delle forze dell’ordine

Subito dopo aver sparato, Alessandro Dell’Uomo è fuggito, apparentemente con l’intenzione di togliersi la vita.

Tuttavia, i suoi familiari sono riusciti a trovarlo e a convincerlo a non commettere altri atti disperati. In seguito, Dell’Uomo ha contattato il suo avvocato, con il quale si è recato alla stazione dei carabinieri per confessare il crimine.

Interrogato dalle forze dell’ordine, Dell’Uomo ha spiegato che la lite riguardava una servitù di passaggio condivisa con i suoi parenti.

Questa mattina, trovando il passaggio bloccato, l’uomo ha perso la pazienza. La discussione è rapidamente degenerata in uno scontro verbale violento, culminato nella tragedia.

Silvio Scaccia è deceduto immediatamente a causa delle ferite riportate. Mentre Mariano Scaccia, gravemente ferito, è stato trasportato d’urgenza al pronto soccorso dell’ospedale Fabrizio Spaziani di Frosinone, dove lotta tra la vita e la morte.

Riproduzione riservata © 2024 - NM

ultimo aggiornamento: 9 Giugno 2024 12:56

Clamoroso: intercettazioni scomparse nel processo della Strage di Erba

nl pixel