Nomine UE, è arrivata l’attesa fumata bianca. Ursula Von der Leyen presidente della Commissione. Incertezza per il Parlamento.

BRUXELLES (BELGIO) – L’attesa fumata bianca per le nomine UE è arrivata. E’ Ursula Von der Leyen la prescelta per la presidenza della Commissione. Il nome della popolare tedesca era uscito nel pomeriggio e alla fine gli Stati sono stati d’accordo su questo profilo.

Non si fermano i contatti tra Bruxelles e Strasburgo per il successore di Antonio Tajani. E’ questo l’unico nodo da sciogliere nelle prossime ore.

Le altre nomine – Sciolti i dubbi anche per quanto riguarda le altre nomine. La francese Christine Lagarde, numero uno della FMI, è stata scelta per il dopo Draghi alla BCE. Il liberale francese Charles Michel alla presidenza del Consiglio europeo e il socialista Josep Borrell come Alto rappresentante. Nessun nome italiano tra le nomine ma non è escluso che qualche nostro connazionale possa essere messo in altre commissioni.

Di seguito il tweet di Donald Tusk

Green Pass, tutte le regole dal 1 settembre

Nomine UE, Salvini: “I nomi non mi interessano, voglio i fatti”

Il Governo ha espresso la propria “soddisfazione” per le nomine della Lagarde e della Van der Leyen anche se Matteo Salvini bada molto più al sodo: “Più che i nomi – precisa il vicepremier – sono i fatti ad essere importanti. In Europa devono cambiare le regole, a partire da immigrazione, taglio delle tasse e crescita economica“.

Matteo Salvini
Fonte foto: https://www.facebook.com/salviniofficial

Il premier Conte poco prima di entrare al Consiglio europeo aveva confermato la massima disponibilità dell’Italia sul nome della Van der Leyen. Un compito non semplice per la popolare tedesca che da domani dovrà mettersi al lavoro per cercare di rendere più unita l’UE che sembra essere divisa su argomenti molto delicati. La nuova legislazione è pronta a partire anche se alcune situazioni devono essere risolte come quella del Parlamento Europeo con il dopo Tajani che non è stato ancora scelto.

TAG:
primo piano

ultimo aggiornamento: 03-07-2019


La Sea Watch rilancia la sfida a Salvini: “Torniamo in mare”

Libia, raid su un centro per la detenzione di migranti: decine di morti