Le nuove norme Euro 7: accolte le critiche e approvate dal parlamento Europeo
Vai al contenuto

Direttore: Alessandro Plateroti

Le nuove norme Euro 7: accolte le critiche e approvate dal parlamento Europeo

Le nuove norme Euro 7: accolte le critiche e approvate dal parlamento Europeo

Scopri le ultime novità sulle norme Euro 7: un equilibrio tra esigenze ambientali e richieste dell’industria automobilistica.

Le regolamentazioni sulle emissioni automobilistiche in Europa stanno vivendo un momento cruciale con l’approvazione delle norme Euro 7 da parte del Parlamento Europeo. Questo sviluppo segue le direttive precedentemente stabilite dal Consiglio Europeo, e si configura come un importante passo avanti nel percorso di aggiornamento delle normative ambientali nel settore automobilistico.

Bonus 2024: tutte le agevolazioni

Smog
Smog

Un accordo che bilancia ambiente e industria

Le normative Euro 7 hanno suscitato notevoli discussioni e dibattiti, sia nel settore automobilistico che in quello ambientale. Da un lato, c’è stato un ammorbidimento delle proposte iniziali, in risposta alle pressioni di vari Paesi, tra cui l’Italia, e delle case automobilistiche. Ieri, i legislatori hanno votato per mantenere i limiti di emissioni, inclusi quelli degli ossidi di azoto (NOx), sostanzialmente invariati rispetto ai livelli imposti dall’Euro 6.

La novità più significativa riguarda l’introduzione di limiti sul particolato emesso da freni e pneumatici. Inoltre, sono stati ridotti i limiti per le emissioni di NOx per i camion e posticipata l’attuazione delle regole per le automobili, che avverrà tre anni dopo l’approvazione dell’intero pacchetto legislativo associato alla proposta.

Tempistiche e implicazioni economiche

Le nuove norme Euro 7 dovrebbero entrare in vigore non prima del 2026 per le autovetture e del 2027 per gli autocarri. Questo ritardo rispetto alle intenzioni iniziali della Commissione Europea, che mirava ad una applicazione dal 2025, riflette le preoccupazioni dei costruttori e di alcuni Paesi. Essi sostenevano che le regole originarie avrebbero richiesto investimenti eccessivi, specialmente considerando il passaggio obbligatorio alle auto elettriche previsto per il 2035. Di conseguenza, le case automobilistiche hanno sostenuto che gli sforzi economici dovrebbero essere rivolti principalmente verso la produzione di veicoli elettrici anziché al miglioramento dei motori a combustione, destinati a un uso limitato nel tempo.

Le reazioni alla decisione sono state polarizzate: l’ACEA, il gruppo di pressione delle case automobilistiche europee, ha accolto con favore la decisione del Parlamento Europeo, considerandola un “approccio più realistico all’Euro 7“. Al contrario, il gruppo ambientalista Transport & Environment ha espresso un giudizio severo, definendo la decisione “peggiore e inutile” e sostenendo che il nuovo standard Euro 7 non rappresenta un miglioramento significativo. Nella protezione dall’inquinamento atmosferico rispetto al suo predecessore, l’Euro 6.

In conclusione, le norme Euro 7 rappresentano un compromesso delicato tra la necessità di proteggere l’ambiente e le esigenze economiche e produttive dell’industria automobilistica. Questo equilibrio, sebbene accolto positivamente da alcuni settori, continua a sollevare interrogativi e perplessità tra i gruppi ambientalisti.

Riproduzione riservata © 2024 - NM

ultimo aggiornamento: 13 Novembre 2023 12:34

Nuovo metodo di pagamento in casa Ferrari: sarà più “facile” comprarne una

nl pixel