I numeri di Confcommercio sulle riaperture: “800mila aziende pronte a riavviare il motore”.

ROMA – I numeri di Confcommercio sulle riaperture dal 18 maggio prevedo una ripartenza della maggior parte delle attività commerciali anche se alcune non riusciranno a riavviare i motori nell’immediato.

Sono oltre 800mila le aziende – si legge nella nota – che potranno finalmente alzare le saracinesche in tutto il Paese. Anche se tra bar e ristoranti si pensa saranno 7 su 10, quasi 160mila esercizi, ad aprire“.

Terza dose Vaccino, a chi spetta prima e quanto dura.

I numeri di Confcommercio

Nella nota Confcommercio è entrata nei dettagli anche dei numeri. “Dai dati – si legge comunicato citato dall’Agiuna quota significativa delle imprese che sono rimaste ferme riguarda il settore del commercio con oltre 200mila imprese delle 433mila totali. E precisamente sono ancora chiuse 72mila aziende dell’abbigliamento e calzature, 14mila punti vendita di mobili e sono rimasti fermi anche 59mila ambulanti di beni non alimentari“.

Sui servizi di mercato è stato precisato come le imprese chiuse superano quota 500mila “e si concentrano nel settore della ristorazione, bar, alloggio, attività artistiche, sportive ed intrattenimento. Significativa anche la sospensione di tutte le agenzie di viaggio e dei tour operator e dei servizi per la cura della persona e quindi parrucchieri e trattamenti estetici“.

Confcommercio
fonte foto https://www.facebook.com/confcommercio/

Il Paese riparte

Dal 18 maggio il Paese è pronto a ripartire anche se non tutte le attività riapriranno le saracinesche. Per palestre e centri sportivi bisognerà aspettare ancora una settimana. Più lento, invece, il riavvio dei motori in Campania con De Luca che ha deciso di non riaprire ristoranti e pub in attesa di indicazioni più chiare da parte del Governo.

L’Italia, comunque, è pronta a rimettersi in moto sempre nel rispetto delle norme anti-coronavirus con la possibilità di ritornare in lockdown in caso di una risalita dei contagi.

Scarica QUI il testo del Decreto Cura Italia per conoscere le norme a sostegno delle famiglie e delle imprese.

fonte foto copertina https://www.facebook.com/confcommercio/

Riproduzione riservata © 2021 - NM

ultimo aggiornamento: 18-05-2020


Caso Fca, Conte: “È un’azienda italiana che occupa tantissimi lavoratori”

La denuncia della Cgia di Mestre: i colossi del web pagano al Fisco 600 volte meno delle Pmi