I nuovi parametri per stabilire il colore delle Regioni: quando si passa in zona Gialla, in zona Arancione e in zona Rossa.

Con il decreto del 22 luglio il governo, accogliendo le richieste delle Regioni e interpretando la nuova fase dell’emergenza coronavirus, ha cambiato i parametri per stabilire il colore delle Regioni alla luce dei dati del monitoraggio settimanale dell’Istituto Superiore di Sanità. Andiamo a vedere allora cosa dicono le nuove regole e quando si passa in zona Gialla, Arancione e Rossa, considerando che alla data di approvazione del decreto tutte le Regioni italiane sono in zona Bianca.

I nuovi parametri per stabilire il colore delle regioni

Il governo ha deciso di rivedere i parametri per stabilire il colore delle Regioni. L’incidenza resta ovviamente in vigore, ma ora i due parametri di maggior peso, quelli principali, sono:

il tasso di occupazione dei posti letto in area medica per pazienti affetti da Covid-19,
il tasso di occupazione dei posti letto in terapia intensiva per pazienti affetti da Covid-19.

Come si entra e si resta in zona Bianca

Come ormai noto, le Regioni entrano in zona Bianca se “l’incidenza settimanale dei contagi è inferiore a 50 casi ogni 100.000 abitanti per tre settimane consecutive“, si legge nel comunicato pubblicato sul sito del governo al termine del Consiglio dei Ministri del 22 luglio.

Se l’incidenza dovesse essere superiore a 50 casi per 100.000 abitanti, la Regione può rimanere in zona Bianca se:

il tasso di occupazione dei posti letto in area medica per pazienti affetti da Covid-19 è uguale o inferiore al 15 per cento;

oppure

il tasso di occupazione dei posti letto in terapia intensiva per pazienti affetti da Covid-19 è uguale o inferiore al 10 per cento.

Green Pass obbligatorio, le regole dal 15 ottobre

Saluto con il gomito Coronavirus
Saluto con il gomito Coronavirus

Quando si passa in zona Gialla dalla zona Bianca

Per il passaggio dalla zona Bianca alla zona Gialla, “l’incidenza settimanale dei contagi deve essere pari o superiore a 50 ogni 100.000 abitanti a condizione che il tasso di occupazione dei posti letto in area medica sia superiore al 15 per cento e il tasso di occupazione dei posti letto in terapia intensiva per pazienti affetti da Covid-19 sia superiore al 10 per cento“.

Con incidenza pari o superiore a 150 casi per 100.000 abitanti, la Regione resta in zona Gialla se:

il tasso di occupazione dei posti letto in area medica per pazienti affetti da Covid-19 è uguale o inferiore al 30 per cento;

oppure

il tasso di occupazione dei posti letto in terapia intensiva per pazienti affetti da Covid-19 è uguale o inferiore al 20 per cento.

I dati per la zona Arancione

Per il passaggio dalla zona Gialla alla zona Arancione “è necessario che si verifichi un’incidenza settimanale dei contagi pari o superiore a 150 ogni 100.000 abitanti e aver contestualmente superato i limiti di occupazione dei posti letto di area medica e terapia intensiva prevista per la zona gialla“.

Terapia intensiva coronavirus
Terapia intensiva coronavirus

Quando si passa dalla zona Arancione alla zona Rossa

Una Regione entra in zona Rossa con “un’incidenza pari o superiore a 150 casi per 100.000 abitanti e se si verificano entrambe le condizioni successive

il tasso di occupazione dei posti letto in area medica per pazienti affetti da COVID-19 è superiore al 40 per cento;

il tasso di occupazione dei posti letto in terapia intensiva per pazienti affetti da COVID-19 è superiore 30 per cento.

TAG:
coronavirus

ultimo aggiornamento: 23-07-2021


Vola l’indice Rt, incidenza in aumento. La variante Delta è prevalente. Il nuovo monitoraggio Iss

Incidente Zanardi, il gip archivia l’inchiesta