Green Pass, in arrivo il nuovo decreto: il governo potrebbe procedere per gradi escludendo i dipendenti della Pubblica Amministrazione.

Nonostante le resistenze della Lega e le scintille in Aula con la maggioranza divisa, il governo si appresta a chiudere i lavori sul nuovo decreto per l’estensione del Green Pass. Ma l’esecutivo dovrebbe tirare il freno e procedere per gradi.

La giornata chiave dovrebbe essere quella del 9 settembre, con il premier Draghi intenzionato a chiudere il discorso. In base alle informazioni raccolte, l’estensione della certificazione verde sarebbe meno stringente di quanto ipotizzato nei giorni scorsi.

Verso il nuovo decreto sul Green Pass: le novità

Secondo quanto raccolto e riferito dall’Ansa, la cabina di regia preannunciata dal premier Draghi potrebbe saltare o meglio slittare. Si procederebbe quindi direttamente con un Consiglio dei Ministri intermedio che porterebbe all’approvazione di un primo decreto. E qui siamo nella seconda novità delle ultime ore.

La grande novità è che con il prossimo decreto il governo potrebbe restringere il campo di azione. Il Green Pass potrebbe essere esteso solo agli operatori delle ditte di pulizie che lavorano nelle scuole e al personale delle mense scolastiche.

Si stringe quindi notevolmente l’orizzonte almeno rispetto alle previsioni dei giorni scorsi, quando sembrava che il governo potesse estendere la certificazione verde addirittura al trasporto pubblico locale.

Green Pass obbligatorio, le regole dal 15 ottobre

Green Pass
Green Pass

Bar, ristoranti, palestre e piscine

Se passasse la linea di Salvini, sarebbe rimandata l’estensione del Green Pass a camerieri, baristi, persone che lavorano nelle palestre, nelle piscine e nei teatri, quindi nei luoghi dove la certificazione verde è già obbligatoria per i clienti. La stretta dovrebbe scattare comunque la prossima settimana.

Ma l’ultima parola spetta al premier Draghi. Il ministro della Salute Roberto Speranza chiede di allungare il passo e di estendere ulteriormente l’orizzonte già nell’immediato. Il premier ha già detto di essere intenzionato ad estendere l’uso del Green Pass, quindi il risultato finale dovrebbe essere quello di un intervento massiccio. Resta da capire se Draghi vorrà intervenire nell’immediato o se vorrà procedere in una sorta di percorso a tappe. Il secondo scenario al momento sembra quello più probabile.

Slitta l’estensione ai dipendenti della PA e delle aziende

Ma la vera stretta potrebbe essere solo rimandata. Come detto, l’intenzione del premier Mario Draghi resta quella di estendere in maniera significativa l’uso del Green Pass anche nel mondo del lavoro. Il Presidente del Consiglio potrebbe rinviare la cabina di regia che comunque sarà convocata – probabilmente la prossima settimana – per discutere dell’estensione della certificazione verde ai dipendenti della pubblica amministrazione e ai lavoratori delle aziende. Di fatto Draghi darebbe tempo a Salvini per riordinare le idee e fare il punto della situazione con i vertici del partito.

coronavirus governo Draghi primo piano

ultimo aggiornamento: 08-09-2021


Cannabis, primo via libera alla nuova legge. Sarà possibile coltivare fino a 4 piantine

Decreto Green Pass, via libera dalla Camera