Sanità al primo posto per il presidente Nursing Up, che parla di come agire per valorizzare le professioni del comparto sanità italiano.

Antonio De Palma, il Presidente di Nursing Up, ha parlato dei diritti degli infermieri e dei lavoratori del comparto della sanità. Le sue dichiarazioni: “Il nuovo ministro della Salute ci vedrà sempre in primo piano a difendere Infermieri e lavoratori della sanità”.

E continua: “Sono giorni frenetici dopo la nomina dei nuovi Presidenti della Camera e del Senato. A quasi un mese dal risultato elettorale, la sanità italiana, gioco forza, affida il proprio presente e il proprio futuro alla nuova squadra di Governo. E naturalmente anche il destino degli infermieri italiani e delle altre professioni sanitarie è legato a filo doppio a quello che dovrà essere il piano per la salute che il nuovo esecutivo dovrà assumersi la responsabilità di adottare.”

Vaccino

Poi ha aggiunto: “Non entriamo nel merito della girandola di nomi e rispettiamo i tempi istituzionali per la formazione del nuovo Consiglio dei Ministri. Non possiamo che augurarci che la decisione relativa alla nomina del nuovo Ministro della Salute sia in linea con quella di una figura con una profonda conoscenza di un settore delicato e complesso. E rispecchi a pieno le esigenze attuali e la gravità delle problematiche con cui gli infermieri, nell’ambito del complesso sistema salute, devono convivere ogni giorno”.

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

De Palma: “Pronto a collaborare con nuovo ministro”

Sanità al primo posto per Antonio De Palma. Il presidente parla di come ha intenzione di agire per valorizzare tutte le professioni che costituiscono il comparto sanità italiano. “Come sempre è avvenuto in passato, il nostro sindacato, senza tradire la coerenza del proprio modus operandi e senza arretrare di un millimetro su quelli che sono i contenuti delle storiche battaglie per la valorizzazione della professione infermieristica assieme alle altre dell’area sanitaria, è pronto a collaborare con il nuovo Ministro. Mettendo a disposizione le proprie competenze.”

Infine conclude asserendo la sua speranza nel fatto che “La politica crei finalmente quelle condizioni per un piano di ripartenza della sanità italiana. Nel quale gli infermieri e le altre professioni sanitarie del comparto possano essere finalmente protagonisti, per le nuove sfide da vincere, e per la tutela effettiva della salute dei cittadini”.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 18-10-2022


Covid, ricoveri in aumento nel Regno Unito: cosa sta succedendo? 

Vaccino antinfluenzale, Snami Molise rifiuta di firmare l’accordo