Presto l’uomo sarà interrogato dal pm.

Migliorano le condizioni di salute di Hasib Omerovic che ha anche riconosciuto i familiari e riesce a muovere uno dei due arti. L’uomo ancora non è in grado di comunicare ma potrebbe essere presto interrogato dai pm per aiutare a far luce su quanto accaduto. Hasib è ancora impaurito e sconvolto dalla vicenda che lo ha visto precipitare il 25 luglio scorso dalla finestra della sua abitazione a Primavalle durante un controllo delle forze dell’ordine.

I pm attendono la testimonianza del 36enne perché fondamentale per ricostruire i fatti ancora troppo oscuri. La procura di Roma ha avviato un fascicolo su tentato omicidio. Per il momento i magistrati stanno valutando le posizioni di otto agenti di polizia che era operativa quella mattina di luglio. Nell’appartamento di Hasib sarebbero entrati quattro agenti per chiedergli i documenti mentre altri quattro sono giunti in un secondo momento per prestare soccorso all’uomo dopo che era precipitato dalla finestra.

sirene Polizia
sirene Polizia

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Ancora lati oscuri nella vicenda di Hasib

Resta ancora incerto il motivo del controllo se fosse coordinato o se fosse stata una decisione presa dai quattro agenti in borghese. Dietro la perquisizione potrebbero esserci segnalazioni relative a presunte molestie da parte di Hasib e questo potrebbe aver portato gli agenti ad entrare in casa senza mandato di perquisizione così come il sospetto che in casa si nascondessero armi o droga: unici casi in cui è possibile procedere senza mandato della procura.

Gli inquirenti analizzeranno tutte le ipotesi e i documenti e le incongruenze sui vari casi. Ci potrebbero essere state anche eventuali complicità nella violazione del domicilio commessa dai pubblici ufficiali. La famiglia vive in macchina da dopo l’accaduto per paura.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

giallo

ultimo aggiornamento: 20-09-2022


Roberta Ragusa, l’inchiesta sul caso di femminicidio

Alluvione Marche, la procura: “Da Regione nessuna allerta meteo”