Salia Yusif presenta una denuncia per abbandono di minore

Omicidio Desirée, Salia Yusif presenta una denuncia per abbandono di minore

Salia Yusif presenta una denuncia per abbandono di minore: “Se Desirée quel giorno fosse stata a casa, io non sarei in carcere”.

ROMA – Salia Yusif presenta una denuncia per abbandono di minore. Il pusher, accusato per l’omicidio di Desirée Mariottini, ha dato incarico ai suoi avvocati di fare sapere agli inquirenti la sua versione dei fatti che è stata messa agli atti: “Se la ragazza quel giorno fosse stata in casa – ha detto il 33enne ghanese – io Salia Yusif non sarei in carcere“.

Salia Yusif presenta una denuncia per abbandono di minore

La denuncia per abbandono di minore è stata presentata durante l’incidente probatorio da parte dell’avvocato di Salia Yusif. Una ‘mossa’ che non dovrebbe cambiare le carte in tavola in questa vicenda con l’accusa che ha ribadito come il pusher e le altre tre persone avrebbero impedito ad altre persone di andare a chiedere aiuto per “conseguire l’impunità nel delitto di violenza sessuale di gruppo“.

I genitori di Desirée da diverso tempo chiedono giustizia per la figlia ma ora dovranno affrontare anche questa denuncia. Le dichiarazioni del pusher sono state messe agli atti e saranno valutate in futuro dai giudici. La morte di Desirée è ancora impunita e nelle prossime ore toccherà ai giudici decidere il futuro dei quattro imputati.

Tribunale di Milano
fonte foto https://www.facebook.com/francesco.nicastro

L’omicidio di Desirèe

L’omicidio di Desirèe risale ad ottobre 2018 quando la ragazza romana è stata trovata senza vita in uno stabilimento di San Lorenzo a Roma. Le indagini hanno portate al fermo di quattro persone accusate di aver abusato la sedicenne quando ormai era morta.

In attesa della sentenza di primo grado, uno degli indagati ha presentato una denuncia per abbandono di minore contro i genitori di Desirée. Il motivo? Averla lasciata uscire quella sera. E la testimonianza è stata messa agli atti dai giudici che dovranno emettere la sentenza.

fonte foto copertina https://www.facebook.com/francesco.nicastro

ultimo aggiornamento: 19-10-2019

X