Omicidio in provincia di Agrigento. Un uomo è stato ucciso a colpi di pistola nella sua auto. Il killer si è costituito.

PALMA DI MONTECHIARO (AGRIGENTO) – Omicidio in provincia di Agrigento nel pomeriggio di giovedì 10 febbraio 2022. Come riportato dai media locali, un uomo a Palma di Montechiaro ha aperto il fuoco nei confronti di un commerciante.

Immediata la chiamata ai soccorsi, ma il personale medico non ha potuto fare altro che constatare il decesso. Il presunto killer si è costituito poco dopo parlando di una vecchia storia di mafia, ma la versione non convince e per questo motivo si preferisce mantenere il massimo riserbo.

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Agguato nell’Agrigentino, un morto

La ricostruzione è ancora al vaglio degli inquirenti. Dalle prime informazioni, l’uomo ha raggiunto la vittima nei pressi della sua auto e aperto il fuoco. Quattro colpi di pistola lo hanno colpito in testa e non c’è stato niente da fare: il personale sanitario ha potuto constatare solamente il decesso.

Il presunto killer si è subito allontanato della zona ed ha raggiunto la casa dei genitori. Anche qui ha esploso alcuni colpi nei confronti degli anziani, rimasti feriti in modo molto lieve, per poi raggiungere la propria abitazione e confessare tutto alla moglie.

Ambulanza
Ambulanza

Indagini in corso

La moglie ha convinto l’uomo ad andare a costituirsi ai carabinieri. Il presunto killer ha parlato di vecchi dissidi di mafia, ma è una versione che non convince e per questo motivo sono in corso tutti gli approfondimenti del caso per avere maggiori informazioni su quanto successo.

Una vicenda che, come detto, ha ancora diversi punti da chiarire e toccherà agli inquirenti provare ad accertare meglio l’accaduto e soprattutto la dinamica di questa tragedia avvenuta nel pomeriggio di giovedì 10 febbraio 2022 in un comune dell’Agrigentino.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 10-02-2022


È morto Luc Montagnier, premio Nobel e punto di riferimento per i No Vax

Foibe e Shoah, polemiche per la circolare del Miur