Omicidio a Trapani. Un uomo di 45 anni è stato ucciso dalla compagna al culmine di una lite. La ricostruzione.

TRAPANI – Omicidio a Trapani nella notte tra il 30 e il 31 ottobre 2021. Una donna ha ucciso il convivente al culmine di una lite. Una aggressione che, come riportato dal Corriere della Sera, era stata manifestata poco prima sui social dalla stessa compagna della vittima, ma nessuno aveva immaginato un qualcosa simile.

E’ stata aperta un’indagine per accertare meglio quanto successo. I punti da chiarire sono ancora diversi e per questo motivo si preferisce mantenere il massimo riserbo su quanto successo.

Terza dose Vaccino, a chi spetta prima e quanto dura.

L’omicidio

L’omicidio è avvenuto nella tarda serata di sabato 30 ottobre. Dalle prime informazioni, l’uomo è ritornato a casa tarda pur avendo l’obbligo di dimora alle 23 per una condanna data per la morte di overdose per un tossicodipendente. Al rientro, però, c’è stato un diverbio con la compagna forse proprio sull’orario.

All’improvviso la donna ha preso un coltello e colpito l’uomo al petto. All’arrivo il personale sanitario non ha potuto fare altro che constatare il decesso. E’ stata aperta un’indagine per accertare meglio quanto successo e capire il motivo che ha portato la donna a compiere un gesto che, almeno dalle prime informazioni, nessuno poteva prevedere.

Polizia
Polizia

Il messaggio sui social

La stessa donna aveva svelato il proprio intento sui social e chiesto scusa a tutti. “Scusate vi voglio bene – si legge nel messaggio riportato dal Corriere della Serama sono sola e questo mi ha portato all’esasperazione. Gli inquirenti di Trapani sembrano essere d’accordo con lui. Ho chiesto un aiuto, ma i carabinieri e la polizia lo continuano a difendere. Sono davvero stanca e non ho più nulla da perdere“.

Una vicenda che ha davvero scosso la città di Trapani ed è in corso un’indagine per accertare meglio quanto successo in questo appartamento.

Riproduzione riservata © 2021 - NM

ultimo aggiornamento: 31-10-2021


Manifestazione contro il G20, attivisti si incatenano ai Mercati di Traiano

Ragazzi e genitori aggrediti con mazze e caschi al termine di una partita juniores