L’Oms lancia l’allarme sull’emergenza Covid: nuovi contagi settimanali in crescita, si diffonde la variante Delta. E preoccupano i bambini.

L’Oms lancia l’allarme sull’emergenza Covid evidenziando un nuovo aumento dei casi settimanali ed evidenziando il rischio di una “catastrofe assoluta” in caso di ritardi nella vaccinazione ai bambini.

Emergenza Covid, Oms: contagi settimanali in crescita

Per quanto riguarda l’andamento dell’epidemia, l’Oms registra un aumento dei nuovi casi rispetto a quelli registrati nei precedenti sette giorni. Dopo un calo di nove settimane consecutive, si assiste quindi ad una ripresa dei contagi, spinta dalla diffusione della variante Delta del Covid.

A livello globale, tra il 5 e l’11 luglio sono stati segnalati quasi tre milioni di contagi. Per quanto riguarda l’Europa si tratta di un aumento del 20% rispetto ai sette giorni precedenti. Nello specifico, sono circa 653.000 i nuovi casi segnalati nella regione europea. La buona notizia è legata al fatto che il numero dei decessi, nonostante la ripresa dei contagi, è sostanzialmente in linea con quello registrato nei sette giorni precedenti.

Per quanto riguarda l’incidenza, a livello globale la media passa da 370.000 a 400.000 casi giornalieri.

Le nuove linee guida per viaggiare in UE e non

Coronavirus
Coronavirus

La diffusione delle varianti del Covid

Per quanto riguarda la diffusione delle varianti, la variante Delta è stata segnalata ormai in 111 Paesi, 15 in più rispetto alla precedente analisi. La variante Alfa invece è stata segnalata in più di 175 Paesi, mentre la variante Beta in 123. Per quanto riguarda la variante Delta, si stima che la sua diffusione possa aumentare in maniera considerevole nel corso delle prossime settimane.

“Catastrofe assoluta” in caso di ritardo nella vaccinazione dei bambini

Il secondo allarme lanciato dall’Oms è relativo al ritardo nella vaccinazione dei bambini. L’Organizzazione Mondiale della Sanità riporta che circa 23 milioni di bambini nel mondo hanno perso i vaccini di base. Questo perché l’emergenza Covid ha spostato l’attenzione sulla lotta al nuovo coronavirus. Inoltre la pandemia ha spinto le persone a ridurre gli spostamenti. Non solo. Gli ospedali sono diventati di fatto un luogo da evitare. E iniziano a vedersi i primi effetti. In Pakistan si registrano i primi focolai di morbillo. L’Oms ritiene necessario intervenire in tempi brevi per evitare una vera e propria catastrofe sanitaria.

Di seguito la nota pubblicata sul sito dell’Oms.

Le nuove linee guida per viaggiare in UE e non

TAG:
coronavirus primo piano

ultimo aggiornamento: 15-07-2021


Green pass, ecco la stretta per spingere sui vaccini. Ma no al modello francese

Chiusa boutique del falso, anche vip tra i clienti