Lanciata nel 2008 per sostituire la Vectra, l’Opel Insignia è stata rinnovata nel 2017 con la seconda generazione dopo gli ottimi riscontri di mercato della prima serie.

L’Opel Insignia è un modello di auto (appartenente al segmento D) prodotto dalla Opel – azienda tedesca di proprietà del Gruppo PSA dal 2017 – , in versione berlina e station wagon a partire dal 2008. La prima generazione – identificata come Isnignia A – è stata prodotta per sostituire la Vectra ed è rimasta in listino fino al 2017, anno in cui la casa tedesca ha messo in commercio la seconda serie, denominata ‘Insignia B’.

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Scheda tecnica Opel Insignia

Progettata da Bertrand Bach, Malcolm Ward e Mark Adams, l’Opel Insignia si presenta inizialmente come una sedan a cinque porte omologata per cinque posti. Una concept car preliminare era stata già presentata a Francoforte nel 2003 ma il debutto ufficiale si ha nel 2008, nel corso del Salone dell’Auto di Londra. L’anno seguente si aggiudica il premio ‘Auto dell’Anno 2009‘. Il riconoscimento sarà poi accompagnato dagli ottimi riscontri sul mercato, tant’è che la prima serie verrà prodotta in oltre 900.000 esemplari nel corso di un arco di nove anni.

L’Opel Insignia si presenta come una berlina a cinque porte, omologata per cinque posti, con un assetto a metà tra il segmento D e il crossover compatto. La prima serie, prodotta fino al 2017, veniva assemblata negli stabilimenti Opel di Rüsselsheim e Kaliningrad (in Russia), utilizzando la piattaforma modulare Epsilon II, la stessa impiegata nella realizzazione della Chevrolet Malibu e della Saab 9-5.

Per quanto concerne gli ingombri, la Insignia presenta una lunghezza di quasi cinque metri (si va dai 4.830 mm della versione berlina ai 4.908 mm della variante station wagon), una larghezza di 1.856 mm e un’altezza pari a 1.498 mm, con un interasse che sfiora i tre metri (2.737 mm). Il peso varia, anche di molto, in base agli allestimenti e oscilla tra un minimo di 1.470 kg ad un massimo di 1.610 kg.

Per quanto riguarda il design, la Opel Insignia A si caratterizza per le linee sobrie ed equilibrate che le conferiscono un aspetto solido ed armonico. Il frontale accoglie la calandra con profilo e barre orizzontali cromate, con all’interno lo stemma della casa produttrice, mentre la fascia paraurti presenta tre griglie di colore nero per le prese d’aria. Si tratta, in entrambi i casi, di una ‘normalizzazione’ delle soluzioni che invece caratterizzavano il concept del 2003, il cui frontale era dominato da linee e moduli decisamente più taglienti.

L’arcata del tetto risulta più accentuata, dall’andamento quasi fastback, rispetto alla concept car di origine, con l’altezza del deflettore posteriore leggermente ribassata. Smussati i passaruota, la Insignia del 2008 presenta una sorta di sbaffo che segna la fiancata dalla parte anteriore: una novità di natura aerodinamica non riscontrabile nel concept. Anche il posteriore, pur non discostandosi molto nell’impostazione generale, appare diverso da quello della Insignia concept: la scanalatura centrale, a sottolineare il taglio rastremato a ‘V’ del prospetto, è meno evidente e risulta, in generale, ‘ammortizzato’ dallo spoiler con gruppo ottico centrale integrato. Appena al di sotto, una fascia cromata incorpora lo stemma Opel e segna il prospetto da capo a capo, innestandosi sul vertice dei gruppo ottici dalla forma affusolata. Nella fascia paraurti inferiore trovano posto i due terminali cromati dello scarico.

L’Opel Insignia B, ovvero la seconda generazione (sul mercato dal 2017), propone un corposo facelift, soprattutto dell’anteriore. Il restyling lo ha reso più compatto e muscolare, grazie ai gruppi ottici assottigliati, la nuova calandra con banda cromata a ‘doppio baffo’ e una nuova fascia paraurti, con le prese d’aria maggiorate e sottolineate dal profilo in rilievo in tinta con la carrozzeria.

Opel Insignia
Fonte immagine: https://www.flickr.com/photos/72007988@N04/9022943831

Motorizzazioni Opel Insignia

La prima serie della Opel Insignia offre una vasta gamma di propulsori, derivante dalla combinazione di tre diversi tipi di alimentazione e numerosi tagli di cilindrata e potenza. A rendere più articolata la gamma contribuisce anche la scelta del costruttore di offrire, fin dall’esordio dell’ammiraglia, sia un motore a 4 cilindri in linea, sia uno da 6 cilindri con architettura a V (limitatamente alla versione da 2.8 litri). La versione di lancio (2008) è stata offerta, nel corso del tempo, con i seguenti motori a benzina:

  • 1.4 litri (1.364 cc di cilindrata). Introdotta nel 2011, questa motorizzazione erogava 140 CV e poteva portare l’auto a raggiungere una velocità di punta di 205 km/h.
  • 1.6 litri (1.598 cc di cilindrata) da 115 CV in grado di spingere la vettura fino a 192 km/h. Nel 2011 si aggiunge la versione turbo da 180 CV (velocità massima pari a 225 km/h) e due anni dopo entra in gamma anche la variante SIDI da 170 CV.
  • 1.8 litri (1.796 cc di cilindrata) da 140 CV e velocità massima di 206 km/h.
  • 2.0 litri (1.998 cc di cilindrata) da 220 CV. La versione Turbo, abbinata alla trazione integrale, era offerta in due tagli di potenza: 220 CV e 250 CV (la seconda viene introdotta nel 2011, anche per la variante SIDI)
  • 2.8 litri (2.792 cc di cilindrata). Questo V6 viene declinato in due versioni, una da 260 CV e una variante Turbo da 325 CV.

Per quanto riguarda invece i motori alimentati a diesel, il ventaglio di cilindrata e più limitato ma i tagli di potenza sono di numero maggiore; di seguito, un quadro riassuntivo:

  • 1.6 litri 16v CDTI (1.598 cc di cilindrata), proposto in due versioni: 120 CV e 136 CV.
  • 2.0 litri 16v CDTI (1.956 cc di cilindrata), con le seguenti potenze: 110 CV, 120 CV, 130 CV, 140 CV e 160 CV (quest’ultima anche abbinata alla trazione integrale). Nel 2011, la gamma del 2.0 litri si amplia con le versioni Biturbo e Biturbo 4×4 da 190 CV, mentre nel 2015 fa il suo esordio una versione da 170 CV a completare un’offerta quantomeno articolata.

Nel 2012, la Opel inserisce nella vasta gamma di motorizzazioni della Insignia anche un propulsore bi-fuel: si tratta di un 1.4 litri alimentato a GPL in grado di sviluppare 140 CV e spingere la vettura fino a 195 km/h.

Il listino prezzi Opel Insignia

Stando ai dati reperibili sul sito ufficiale della Opel, la nuova Opel Insignia è disponibile a prezzi di listino che oscillano tra i trenta ed i quarantamila euro. In particolare, la nuova Insignia Country Tourer (carrozzeria station wagon), è in vendita a partire da 40.050 euro, la versione Grand Sport (berlina tre volumi) è offerta al prezzo di listino di 30.300 euro mentre la versione Sports Tourer è disponibile a partire da 31.250 euro.

Fonte immagine: https://www.flickr.com/photos/72007988@N04/15512059853/

Fonte immagine: https://www.flickr.com/photos/72007988@N04/9022943831

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 01-06-2018


Moto GP, sesto appuntamento con il Mondiale: i segreti del circuito del Mugello

Porsche, svelata la nuova 718 GTS in versione Cayman e Boxster