Operazione contro la pirateria in 19 Paesi. Oscurati diversi siti e canali Telegram.

ROMA – Maxi-operazione contro la pirateria in Italia e in altri Paesi esteri. Il blitz, come precisato da Sky Tg24, è stato coordinato dalla Procura di Napoli.

La Guardia di Finanza, in collaborazione con la Polizia di Stato, hanno oscurato oltre 5.500 tra siti e canali Telegram e sequestrato beni per un valore di 10 milioni di euro. “Il danno che viene stimato da questo illecito è di circa 6.000 posti di lavoro persi l’anno – ha detto il tenente colonnello delle Fiamme Gialle Gian Luca Berruti – un qualcosa che vede la Finanza impegnata non solo nell’ambito della repressione ma a tutela dell’economia sana“.

La Procura di Napoli: “Individuati gli utenti finali”

L’operazione condotta dalla Guardia di Finanza ha portato all’individuazione degli utenti finali. “Le persone che hanno usufruito di questo servizio non solo sono stati individuati, ma rischiano sanzioni. Abbiamo traccia di tutti gli indirizzi ip. Abbiamo cristallizzato i dati di tutti coloro che ricevevano il segnale. Sono già individuati, sono responsabili“.

Gli inquirenti hanno specificato, inoltre, che 15 delle persone indagate percepiscono il reddito di cittadinanza, nonostante gli introiti di questa attività illecita. I pagamenti degli abbonamenti privati avvenivano tramite criptovalute.

Guardia di Finanza
Guardia di Finanza

Seconda operazione in pochi giorni

Si tratta una seconda operazione in pochi giorni. La prima era stata effettuata domenica 8 novembre 2020 con il blocco di oltre mille streaming. Un sequestro accompagnato da un cartello su ogni portale per avvisare gli utenti.

Un blitz che è stato accolto con molta soddisfazione anche dalla Lega Serie A e, in particolare, dal presidente Dal Pino. La battaglia contro i siti streaming e i canali Telegram illegali continua. E nelle prossime settimane altre operazioni simili potrebbero essere portate a termine da parte della Guardia di Finanza.

Di seguito il video con l’operazione della Guardia di Finanza

Coronavirus, online la nuova autocertificazione

TAG:
canali telegram cronaca pirateria siti illegali

ultimo aggiornamento: 11-11-2020


Coronavirus, diminuita la frequentazione di bar e ristoranti: i dati di Google

Tragedia a Carignano, morta la bimba che in un primo momento era sopravvissuta alla sparatoria