Paolo Maddalena è il candidato Presidente della Repubblica di 40 Grandi Elettori del Misto. E si complica la corsa di Berlusconi.

È Paolo Maddalena il candidato Presidente della Repubblica di una quarantina di parlamentari che non appartengono ai principali partiti che occupano l’Aula del Parlamento. Ma in una votazione come quella per l’elezione del Presidente della Repubblica, tutte le informazioni sono di fondamentale importanze. Quaranta voti, se tutti saranno coerenti con la scelta, andranno a Paolo Maddalena. Non a Berlusconi, non a Draghi, non ad altri. E questa informazione evidentemente costringe i contabili ad aggiornare i voti.

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Quirinale, è Paolo Maddalena il candidato Presidente della Repubblica di 40 Grandi Elettori del Misto

Il nome di Paolo Maddalena è stato indicato da deputati e senatori del Gruppo Misto. Una quarantina di elettori circa, in larga parte ex Movimento Cinque Stelle che hanno lasciato i pentastellati nel traumatico passaggio dal governo Conte II al governo Draghi.

Stando a quanto emerso, erano 13 i nomi sulla lista dei quaranta: Giorgio Agamben, Alessandro Barbero, Lorenza Carlassarre, Fabiola Gianotti, Piercamillo Davigo, Nino Di Matteo, Anna Falcone, Nicola Gratteri, Paolo Maddalena, Ugo Mattei, Giorgio Parisi, Chiara Saraceno, Gustavo Zagrebelsky. Alla fine a spuntarla è stato proprio Paolo Maddalena.

Montecitorio Parlamento
Montecitorio

Una candidatura simbolica

Quella di Paolo Maddalena, come tante se ne vedranno, è una candidatura solo ed esclusivamente simbolica, salvo clamorosi colpi di scena che nella corsa al Quirinale non si possono mai escludere. I quaranta voti, se effettivamente saranno quaranta, non sposteranno gli equilibri. Difficilmente i grandi partiti seguiranno l’onda e spingeranno questa candidatura. A meno che non si arrivasse ad una fase di stallo e i quaranta continuassero imperterriti a sostenere il proprio candidato. A quel punto potrebbe succedere di tutto. Ma realisticamente difficilmente assisteremo ad un passaggio di consegne tra Mattarella e Maddalena.

Paolo Maddalena complica la corsa al Colle di Silvio Berlusconi

Sicuramente la candidatura di Maddalena complica i piani di Silvio Berlusconi, che sperava di prendere qualche voto proprio dal Misto e in particolare dagli ex Cinque Stelle. Se i numeri fossero confermati alla prova del voto, Berlusconi avrebbe quaranta voti in meno. Sicuramente.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 17-01-2022


Quirinale, le alternative del Centrodestra a Berlusconi

Il Parlamento europeo omaggia David Sassoli