Partite di Serie A rinviate per Coronavirus: il punto della situazione

Il Coronavirus colpisce la Serie A: Inter-Sampdoria, Atalanta-Sassuolo, Verona-Cagliari e Torino-Parma rinviate

Tre partite di Serie A rinviate per il Coronavirus. Stop a tutti gli eventi sportivi in Lombardia e Veneto. La decisione del ministro Spadafora.

ROMA – Tre partite di Serie A rinviate per il Coronavius. La lunga giornata di sabato 22 febbraio 2020 si è conclusa con la notizia dell’annullamento di tutte le manifestazioni sportive in Lombardia e Veneto previste per la giornata di domenica.

Al momento l’unica conferma è arrivata dal sindaco di Milano, Beppe Sala, che sui social ha ribadito il rinvio a data da destinarsi della sfida di San Siro tra Inter e Sampdoria. Un post che presto potrebbe essere seguito anche da quelli di Atalanta e Verona che dovevano scendere in campo rispettivamente contro Sassuolo e Cagliari. Nella mattinata di domenica è stata rinviata a data da destinarsi anche Torino-Parma.

Il Coronavirus ferma la Serie A

Quattro le partite rinviate nei primi due campionati italiani. Nel pomeriggio di sabato, infatti, Ascoli e Cremonese non erano scese in campo per l’allarme Coronavirus. L’ipotesi rinvio era stata avanzata anche per Pisa-Venezia anche se poi la sfida si è giocata.

La circolare del Ministero, infatti, prevede l’annullamento delle sfide delle squadre in trasferta provenienti dalle zone degli 11 focolai. Le altre si disputeranno regolarmente anche se il premier Conte ha dato ai rispettivi ministri competenti l’autorità di annullare manifestazioni anche fuori dalle aree a rischio.

Cremonese-Empoli
fonte foto https://www.facebook.com/uscremonese/

A rischio anche il prossimo weekend?

Non è chiaro quanto durerà l’allarme Coronavirus al Nord e per questo potrebbero essere a rischio anche le partite del prossimo weekend. Preoccupazione per Inter-Ludogorets, in programma a San Siro giovedì 27 febbraio 2020.

La sfida dovrebbe disputarsi regolarmente per questioni anche di tempo ma non possiamo escludere nelle prossime ore un contatto tra il ministro Spadafora e l’Uefa per capire meglio la situazione. Il ministero dello Sport, comunque, si è riservato la possibilità di decidere giornalmente in modo da valutare lo sviluppo del virus.

Scarica QUI la guida con tutte le precauzioni da prendere per limitare il contagio da coronavirus

ultimo aggiornamento: 23-02-2020

X