Governo in crisi ma niente voto. Eppure Salvini avrebbe potuto mandare a casa il MoVimento Cinque Stelle. Perché non lo ha fatto?

Tutti ne parlano e tutti le minacciano, la verità è che elezioni anticipate non le vuole nessuno. Perché non fanno comodo a nessuno. Tra Tav e decreto Sicurezza Bis Salvini avrebbe potuto approfittare della crisi dei Cinque Stelle per assestare la spallata definitiva al governo. Ma non lo ha fatto.

Lauigi Di Maio e Matteo Salvini
Roma 01/06/2018 – giuramento Governo Italiano / foto Insidefoto/Image nella foto: Luigi Di Maio-Matteo Salvini

Di Maio in netto svantaggio: ha perso elettori e la fiducia delle base del MoVimento Cinque Stelle

Sicuramente non fanno comodo a Di Maio, che in questo anno al governo ha visto scendere prima la percentuale di elettori e poi quella di sostenitori all’interno del Movimento.

Ma non fanno piacere neanche a Matteo Salvini, che in questo governo si è guadagnato un ruolo di primo ordine e che sa che agitare le acque con le indagini in corso non è mai una buona idea. E la storia politica italiana lo dimostra.

Un governo in bilico: Salvini costretto ad appoggiarsi alla Meloni

Ma partiamo dall’analisi della situazione attuale. Il governo è spaccato al momento sull’Autonomia, con il discorso rinviato a settembre, sulla manovra economica, sulla Tav (Toninelli non ha firmato la lettera per il via libera) e sul decreto Sicurezza (in Senato Salvini ha bisogno degli alleati di centrodestra per far passare il provvedimento).

Riassumendo il tutto in poche parole: il governo non è compatto e il clima non è quello della collaborazione invocato da Conte e Mattarella, che continuano a seguire la situazione con attenzione e probabilmente un piano B già l’hanno in mente.

Matteo Salvini
Fonte foto: https://twitter.com/matteosalvinimi

Perché Salvini non ha fatto cadere il governo?

Salvini avrebbe potuto far cadere il governo uscendone a testa alta, invece ha voluto ignorare la spinta proveniente dalla base del Carroccio e ha voluto rimanere legato a Di Maio. Perché?

Secondo alcuni per rispetto della parola data, secondo altri per le inchieste pendenti. Il caso Siri non si risolve con le dichiarazioni di Arata e Nicastri, anzi, si complica con le voci di un pagamento di un milione di euro dal San Marino.

In più c’è sempre in piedi l’affaire russo, con la Procura di Milano che scava a fondo nei conti del partito, con il Carroccio che deve allo Stato ancora i soldi per la truffa di Bossi.

TAG:
primo piano

ultimo aggiornamento: 28-07-2019


Carabiniere ucciso a Roma, Salvini: “Negli Stati Uniti chi uccide rischia la pena di morte”

TAV, mozione del M5s per fermare l’opera. La Lega attacca: “Chi dice no è fuori dal mondo”