Tensione al largo delle coste di Lampedusa, dove un peschereccio tunisino ha speronato una motovedetta della Guardia di Finanza. Inseguimento in acque internazionali.

Un peschereccio tunisino ha speronato una motovedetta italiana dopo che l’imbarcazione stessa non si era fermata all’Alt e aveva provato a darsi alla fuga. È iniziato un inseguimento in acque internazionali durante il quale sarebbero stati esplosi diversi colpi. Non si hanno notizie di feriti. Gli uomini della Guardia di Finanza sono riusciti a bloccare l’imbarcazione, condotta poi a Lampedusa.

PESCGERECCIO TUNISINO IN FUGA SPERONA GUARDIA DI FINANZA. IL VIDEO DELLO SCONTRO

⚠️‼️ Al largo di Lampedusa, il peschereccio tunisino “Mohanel Anmed” prima non si ferma all’alt della Guardia di Finanza e poi sperona una motovedetta italiana nel tentativo di fuggire, seguito da una sparatoria.La barca è stata fermata, abbordata (trovando droga a bordo) e portata a Lampedusa, arrestando il comandante, che stava pescando illegalmente in acqua italiane, con l’accusa di resistenza e violenza contro nave da guerra e rifiuto di obbedire a nave da guerra.Onore ai militari della Guardia di Finanza e della Guardia Costiera.

Pubblicato da Matteo Salvini su Mercoledì 30 settembre 2020

Lampedusa, peschereccio tunisino sperona motovedetta italiana, aperto il fuoco

L’episodio è avvenuto al largo delle coste di Lampedusa, dove la motovedetta della Guardia di Finanza ha intercettato il peschereccio tunisino e lo ha invitato a fermarsi per controlli. Il peschereccio non ha rispettato l’ordine e ha tentato una fuga rocambolesca nella quale ha speronato l’imbarcazione italiana.

È iniziato quindi un inseguimento che si è svolto in acque internazionali. Gli uomini della Guardia di Finanza sono riusciti ad abbordare il peschereccio. Stando a quanto riferito dall’ANSA, nel corso della concitata operazione sarebbero stati esplosi tanti colpi. Al momento non si hanno notizie di persone rimaste ferite.

Migranti

Il peschereccio scortato a Lampedusa

Preso il controllo del peschereccio tunisino e fermati i fuggitivi, gli uomini delle Fiamme Gialle lo hanno scortato fino a Lampedusa. Gli inquirenti procederanno con gli accertamenti del caso e per capire il motivo per cui l’imbarcazione, davanti alle autorità italiane, abbia tentato una fuga disperata. Si dovrebbe procedere con l’ispezione della barca e con accertamenti sugli uomini dell’equipaggio.

Coronavirus, online la nuova autocertificazione

TAG:
cronaca lampedusa Ultima Ora

ultimo aggiornamento: 30-09-2020


‘Devo seguire l’uomo col cappuccio’, bambino di 11 anni si lancia dal balcone. Vittima di un gioco sul web

Papa Francesco: “La pandemia ha smascherato la disuguaglianza che regna del mondo” – VIDEO