Un 17enne è stato vittima di un pestaggio avvenuto alla stazione di Milano, il tutto sotto gli occhi dei passanti che facevano il video.

Il fatto è accaduto in piazza Duca d’Aosta, a Milano, venerdì 22 luglio, nei pressi della stazione centrale. La vittima è un ragazzino di 17 anni, di origine tunisina, che in questo momento si trova ricoverato in ospedale in seguito ai traumi riportati.

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

La vicenda

Il giovane è stato aggredito con calci in testa mentre si trovava inerme a terra. In sottofondo una ragazza tedesca urla “nein”. Tutta la scena è stata ripresa da alcuni passanti, che postando il video sui social l’hanno reso virale.  

All’inizio del video si vede un ragazzo che cammina a petto nudo, con il collo pieno di sangue. Ad un certo punto arriva un uomo di colore, con un salto gli tira un calcio e lo atterra, poi gli lancia una bottiglia in faccia e lo prende a calci in testa. In tutto questo il ragazzo si trova per terra. 

sirene Polizia

Poi si sentono le grida disperate della ragazza tedesca, che cerca di porre fine all’aggressione attirando l’attenzione. Dopo i colpi l’uomo si allontana, ed il ragazzo viene circondato da un gruppo di persone che hanno chiamato i soccorsi. All’inizio il giovane 17enne si lamenta per il dolore, ma dopo cerca di alzarsi da terra per andarsene via. 

Il motivo della lite

Sul luogo del pestaggio è arrivata anche la polizia locale, chiamata dall’esercito. La vittima è un giovane 17enne tunisino, un senzatetto. I soccorsi l’hanno trasportato in ospedale in codice verde. Fortunatamente, nonostante la violenza evidente nel video, i traumi riportati dal giovane non sono gravi. Secondo quanto emerso dalle prime ricostruzioni della vicenda, sembra che il raid sia avvenuto in seguito a una lite e a una rapina tra alcune persone senzatetto che dormono vicino alla stazione. 

Riproduzione riservata © 2022 - NM

giallo

ultimo aggiornamento: 24-07-2022


Sarah Scazzi, perché è stata uccisa? I dettagli 

Bimba morta a Milano: convalidato fermo sulla madre