Peter Bellew, Chief operating officer di EasyJet, ha deciso di consegnare le sue dimissioni. La causa? Troppi voli cancellati.

Troppi voli cancellati ed alcuni non scarso preavviso. Queste le ragioni che hanno portato il Chief operating officer di Easyjet, a dimettersi. Adesso l’ex chief Bellew verrà sostituito da David Morgan, l’uomo che opera per la compagnia aerea già dal 2016, sotto la guida dell’amministratore delegato Johan Lundgren.

Perchè EasyJet ha cancellato i voli? Durante il biennio di pandemia, il settore legato all’aviazione ha perso moltissimi posti di lavoro, e ora a causa dell’aumento delle richieste di viaggio, la scarsità di personale sta corroborando disagi in maniera esponenziale.

In questa situazione, EasyJet è stata una delle società che ha riscontrato maggiori difficoltà, trovandosi costretta a tagliare migliaia di voli, molti dei quali nel giorno in cui sarebbero dovuti decollare.

Aereo
Aereo

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Le promesse non mantenute

All’inizio di questa annualità, le promesse erano però infarcite di buone premesse. Johan Lundgren aveva infatti previsto “un’estate forte in vista”, con una domanda che avrebbe spinto i voli ai livelli del 2019. Sei mesi dopo tutte le ultime restrizioni Covid, le persone vogliono tornare in vacanza. La domanda non sembrava rappresentare un problema, ma la carenza di personale ha costretto EasyJet a ridimensionare l’offerta.

Nella nota a seguito delle dimissioni di Peter Bellew, l’azienda si è dichiarata impegnata a garantire la sua operatività con 1.700 anime e oltre 250mila passeggeri al giorno. “Tutti i dipendenti di easyJet sono assolutamente concentrati sulla realizzazione di un’attività sicura e affidabile quest’estate”.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 04-07-2022


Ucraina, il ministro della Cultura: “Russia sta rubando i nostri capolavori”

Siccità: 5 regioni in stato di emergenza