Il prezzo del petrolio ha perso il 4,75% nelle ultime cinque sedute. Il barile vale 51,09 dollari, toccando i minimi da inizio anno.

NEW YORK – La discesa della quotazione del petrolio continua in maniera sensibile. Al termine della seduta alla Borsa di New York, infatti, il greggio ha segnato un calo del 4,75%: il prezzo del barile è ora a 51,09 dollari. Nelle ultime cinque sedute, il calo è stato del 13%.

Ai minimi dall’inizio dell’anno

Il prezzo del petrolio al barile si attesta al valore più basso del 2019, toccato a metà gennaio.

Le tensioni sul petrolio

Il prezzo del petrolio è risalito da inizio anno a causa di diversi fattori. A gennaio il Qatar è uscito ufficialmente dall’Opec. Poi, è intervenuta la decisione degli Stati Uniti di bloccare le importazioni di greggio dell’Iran. Senza dimenticare la vicenda delle petroliere sabotate mentre attraversavano il Golfo dell’Oman. Tutto questo, inevitabilmente, ha portato a una contrazione dell’offerta con conseguente aumento delle quotazioni dell’oro nero. E così, in aprile, il greggio è arrivato a toccare i 64 dollari a barile. Appena un mese fa, l’attestazione sui 60 dollari.

https://www.youtube.com/watch?v=B75K8_wCLs4

Timori sulla domanda

Il sensibile calo del prezzo del petrolio è determinato dalle forti vendite sui future. Investitori e traders non nascondono le proprie preoccupazioni circa un calo della domanda. Sullo sfondo, le nuove e crescenti tensioni tra Stati Uniti e Cina. Alle stesso tempo, le esportazioni degli Usa hanno fatto registrare un aumento di 260.000 barili al giorno nel mese di giugno.

Perchè vaccinarsi contro l'influenza? Pro o contro

TAG:
barile greggio New York News petrolio

ultimo aggiornamento: 08-08-2019


La manovra la fa Salvini: stop alla proposta di Tria e al salario minimo

Si è spento in Sardegna Fabrizio Saccomanni, ex ministro delle Finanze