Peggiorano le condizioni di Phil Collins. Il leader dei Genesis non riesce più a tenere la bacchetta in mano.

ROMA – Le condizioni di Phil Collins peggiorano. L’ex leader dei Genesis ormai da diverso tempo combatte con diversi problemi di salute tanto che nel 2011 ha annunciato la decisione di ritirarsi dalle scene. Un ritorno nel 2015 riprendendo i concerti, ma i guai fisici non l’hanno mai abbandonato e dal 2017 cammina con un bastone.

Grande preoccupazione da parte dei suoi fan e lui in un’intervista, riportata dal Corriere della Sera, ha ammesso: “Mi piacerebbe suonare alla batteria con mio figlio Nic, ma non riesco più a tenere la bacchetta in mano“.

Come sta Phil Collins

Le condizioni di Phil Collins peggiorano come ammesso anche dallo stesso musicista. “Sono messo abbastanza alla prova dal punto di vista fisico – ha detto – e ciò è frustrante perché mi piacerebbe molto andare alla batteria e suonare con mio figlio, ma non riesco più a tenere la bacchetta in mano“.

E sul futuro dei Genesis ha aggiunto: “Siamo tutti uomini di una certa età e quindi credo che probabilmente con questi concerti chiuderemo“. Un ultimo atto che potrebbe consentire alla musica di ripartire e si tratta sicuramente di una grande occasione per tutti gli appassionati di partecipare all’ultimo concerto di uno dei gruppi più importanti della storia della musica mondiale.

Green Pass obbligatorio, le regole dal 15 ottobre

Phil Collins
Phil Collins

L’ultimo tour dei Genesis

I Genesis si preparano all’ultimo tour. Come detto anche da Collins, l’età ormai per tutti è avanzata e per questo motivo non sembrano esserci in programma altri appuntamenti almeno in questo momento. Phil non ha nessuna intenzione di saltare questo appuntamento e, nonostante condizioni di salute non ottimali, sarà sul palco insieme al figlio Nic. Purtroppo molto probabilmente non riuscirà a suonare la batteria, ma un tentativo lo proverà durante questa ultima uscita.

ultimo aggiornamento: 10-09-2021


Covid, antivirale al posto del vaccino, l’allarme dell’Aifa

Coronavirus, i non vaccinati rischiano di morire 11 volte di più