Il piano di Colao sulla ‘fase 3’: infrastrutture, turismo e aziende.

ROMA – E’ stato presentato al premier Conte il piano della task force guidata da Colao sulla fase 3. Un lavoro durato otto settimane che si compone di 120 schede e di approfondimenti suddivisi in sei settori: imprese e lavoro, infrastrutture e ambiente, turismo, arte e cultura, pubblica amministrazione, istruzione, ricerca e competenze e individui e famiglie.

Il piano della task force di Colao

Sono sei i cardini del piano della task force. Ogni pilastro ha ovviamente una complessa articolazione.

Imprese e lavoro come “motore dell’economia”;

Infrastrutture e ambiente come “volano del rilancio”;

turismo arte e cultura come “brand del Paese”;

Una Pubblica amministrazione “alleata di cittadini e imprese”

Istruzione, ricerca e competenze “fattori chiave per lo sviluppo”.

Individui e famiglie “in una società più inclusiva e equa”.

Digitalizzazione e rientro dei capitali dall’estero

La task force ha dedicato una parte importante del suo piano alla digitalizzazione della pubblica amministrazione. Si tratta di un passaggio fondamentale per sburocratizzare il nostro Paese. Colao nel documento ha invitato anche il premier Conte a far rientrare i capitali dall’estero.

Su quest’ultimo punto la squadra guidata da Colao ha chiesto un potenziamento della green economy e una serie di azioni per invogliare le azioni a riportare in Italia le proprie imprese.

Le infrastrutture

Nel piano, come riportato dal Corriere della Sera, la task force ha trattato anche il tema infrastrutture. Alta velocità e, forse, Ponte sullo Stretto ma anche la digitalizzazione dell’intera Penisola.

Treno Milano

Le riforme

Nel piano un capitolo è dedicato anche alle riforme. Molte le misure proposte al premier Conte: snellimento per le autorizzazioni per l’edilizia privata, procedure di valutazione di impatto ambientale, aumento al 30% dell’anticipazione concessa all’appaltatore dei lavori pubblici e abuso d’ufficio.

Fondo per lo sviluppo

Un fondo per lo sviluppo per sostenere l’economia. E’ questo il piano di Colao che prevede il conferimento al Fondo immobili da parte di Stato, regioni e province di partecipazioni in società quotate in titoli.

Le sanatorie

Si propongono anche due sanatorie, una per l’emersione del lavoro nero e una per la regolarizzazione del contante per redditi non dichiarati.

La scuola

Uno dei capitoli più lunghi riguarda la scuola. Le azioni da compiere sono quattro: aggiornare i raggruppamenti disciplinari e classi di laurea, modificare il dottorato di ricerca, semplificare aspetti della gestione dei fondi di ricerca competitivi e sviluppare un contratto nazionale dedicato per i ricercatori/docenti.

Turismo

Sul turismo la task force ha fatto tre proposte: governance e strategia per il turismo, valorizzazione e lo sviluppo dell’offerta del Paese, una forte valorizzazione del patrimonio artistico e culturale.

Scarica QUI la guida con tutte le precauzioni da prendere per limitare il contagio da coronavirus

Coronavirus, online la nuova autocertificazione

TAG:
coronavirus economia fase 3 News politica primo piano Vittorio Colao

ultimo aggiornamento: 09-06-2020


Scuola, Azzolina: “Niente gabbie di plexiglass in classe”

Ex Ilva, il nuovo piano di ArcerlorMittal: 3.300 esuberi nel 2020. I sindacati proclamano lo sciopero