Piano pandemico e report Oms, i messaggi di Ranieri Guerra a Silvio Brusaferro: ha coperto gli errori del governo nella gestione dell’emergenza?

Proseguono le indagini della Procura di Bergamo sul caso del piano pandemico, e l’ultima notizia rilevante è l’iscrizione nel registro degli indagati di Ranieri Guerra, indagato per falsa dichiarazione.

Piano pandemico, Ranieri Guerra (OMS) indagato per falsa dichiarazione

Ascoltato dagli inquirenti come persona informata sui fatti, secondo le ipotesi investigative Ranieri Guerra avrebbe mentito sul piano pandemico. Innanzitutto avrebbe mentito dichiarando che il piano del 2006 non doveva essere aggiornato in quanto nel corso degli anni non erano state registrate variazioni di rilievo dal punto di vista epidemiologico e poi avrebbe mentito quando avrebbe assicurato che quando lui era Direttore Generale il piano veniva rivisto e validato ogni anno.

Secondo gli inquirenti le cose non starebbero proprio così. In primo luogo nel corso degli anni la situazione epidemiologica era cambiata eccome: basti pensare alla suina e alla Mers. Siamo tra il 2009 e il 2012. Quindi dopo il 2006 e prima della pandemia da Covid. Inoltre sembra che il piano doveva essere aggiornato in base alle nuove indicazioni dell’Oms e dell’Ue, arrivate tra il 2013 e il 2017.

Carabinieri
Carabinieri

Il report dell’Oms sulla risposta italiana alla diffusione del nuovo coronavirus

C’è poi il caso del report An unprecedented challenge Italy’s first response to Covid 19. Si tratta del documento dell’Oms redatto da alcuni ricercatori. Tra questi anche Francesco Zambon, l’uomo che ha sollevato il polverone puntando il dito contro Ranieri Guerra. Nel report, prims pubblicato e poi ritirato, veniva condannata la reazione dell’Italia, assolutamente e colpevolmente impreparata ad affrontare un’emergenza sanitaria. Inoltre nel report si faceva riferimento al piano pandemico non aggiornato.

Il dato di fatto, in attesa che gli inquirenti facciano effettivamente luce su quanto accaduto, è che si tratta di un report senza ombra di dubbio scomodo per l’Italia.

Stando alle ricostruzioni, dopo la pubblicazione del report Zambon scrive al presidente dell’Istituto Superiore di Sanità Silvio Brusaferro facendo sapere che non era certo sua intenzione creare problemi. Il riferimento è al fatto che al Ministero della Salute evidentemente non avevano accolto di buon grado l’analisi che di fatto condannava il Paese.

Oms, Organizzazione mondiale della sanità
https://it.wikipedia.org/wiki/Organizzazione_mondiale_della_sanit%C3%A0#/media/File:Flag_of_WHO.svg

Il nodo investigativo: perché il report è stato ritirato

Dal punto di vista investigativo la domanda fondamentale è una: perché il report è stato ritirato? Chi lo ha fatto ritirare dopo la pubblicazione.

Una delle ipotesi è che il documento sia stato ritirato dopo l’intervento di Guerra. Di fronte al malcontento del ministero, Guerra contatta Kluge chiedendo la rimozione del documento, almeno stando alle ricostruzioni della vicenda.

I messaggi tra Guerra e Brusaferro

L’ipotesi sembra trovare conferme in un messaggio inviato da Guerra a Silvio Brusaferro: “Sono stato brutale con gli scemi del documento di Venezia. Ho mandato scuse profuse al ministro e ti ho messo in cc di alcune comunicazioni. Alla fine sono andato su Tedros e fatto ritirare il documento. Sto ora verificando il paio di siti laterali e social media dove potrebbe essere ancora accessibile per chiudere tutti i canali. La ritengo comunque una cosa schifosa di cui non si sentiva la mancanza. Spero anche di far cadere un paio di incorreggibili teste“, recita il messaggio come riportato da il Giornale.

Non solo. Nei messaggi tra Guerra e Brusaferro spunta anche il nome di Zaccardi, capo del Gabinetto del ministro della Salute.

In un messaggio a Brusaferro Guerra riferisce che il Capo del Gabinetto “dice di vedere se riusciamo a farlo cadere nel nulla. Se entro lunedì nessuno ne parla vuole farlo morire. Altrimenti lo riprendiamo insieme. Sic“.

Quello che si vuole far cadere nel nulla è il report. Nel caso in cui circoli invece la notizia, l’idea è quello di rivederlo e limarlo per poi procedere con la pubblicazione della nuova versione del documento.

L’Oms non risponde alla politica

Attenzione. La questione centrale è che l’Organizzazione Mondiale della Sanità – Oms si muove indipendentemente dalla politica. Non risponde ai governi. Ovviamente esiste un dialogo per motivi di diplomazia e collaborazione, ma la politica non dovrebbe avere voci in capitolo sul lavoro condotto dall’Oms.

Ranieri Guerra sui messaggi con Brusaferro: “Non ho niente da nascondere”

Intercettato dall’Adnkronos, Ranieri Guerra ha fatto sapere che non ha nulla da nascondere in relazione ai messaggi intercorsi tra lui e il numero uno dell’Iss Silvio Brusaferro.

Sono comunicazioni private oggetto di un’indagine per cui verrà risposto a chi ha esteso l’indagine. Le comunicazioni private hanno sempre un certo tipo di tono“, ha dichiarato Guerra all’Adnkronos.

TAG:
coronavirus primo piano

ultimo aggiornamento: 12-04-2021


Covid, la variante sudafricana è la più ‘pericolosa’ per Pfizer

Europei 2021, Gravina scrive a Draghi. Il Cts: L’Uefa dia più tempo per decidere