Mentre in passato per effettuare investimenti finanziari era necessario appoggiarsi ai principali istituti di credito, oggi la digitalizzazione permette di approcciarsi al trading online con facilità.

Mentre in passato per effettuare investimenti finanziari era necessario appoggiarsi ai principali istituti di credito, oggigiorno la digitalizzazione e le moderne tecnologie permettono a chiunque di approcciarsi al trading online con estrema facilità. Sono numerosi i broker online e le piattaforme che permettono di fare trading in autonomia ed in maniera estremamente intuitiva: la grande disponibilità di operatori rende però sempre più difficile orientarsi tra le scelte a disposizione e scegliere la giusta piattaforma di trading online. 

Quali sono le caratteristiche da tenere in considerazione per identificare le opzioni più affidabili sul mercato e trovare la piattaforma di trading più adatta alle proprie esigenze? Ecco come prendere decisioni consapevoli, per muovere i primi passi nel mondo del trading in totale sicurezza.

Verificare le autorizzazioni, per scegliere la migliore piattaforma di trading online

Grafico trading online
Fonte foto: https://www.pexels.com/it-it/foto/analisi-attrezzatura-banco-borsa-187041/

Uno dei principali requisiti che un broker online dovrebbe possedere, per essere valido ed affidabile, sono le autorizzazioni concesse dagli enti di controllo che vigilano sulle attività finanziarie. Ogni piattaforma di trading online, per operare, deve infatti ottenere speciali licenze rilasciate da apposite autorità, quali ad esempio la Consob, attiva sul territorio italiano: si tratta di una un’autorità amministrativa indipendente con autonoma personalità giuridica, che monitora il settore finanziario ed ha lo scopo di tutelarne gli investitori.

Tra gli altri enti di controllo posti a supervisione sulle transazioni finanziarie dei broker online si sono la CySEC, con sede a Cipro, la FCA nel Regno Unito e la ASIC per il territorio di Australia e Nuova Zelanda. Quando una piattaforma è certificata da tali enti, dimostra di essere sicura e di aver accettato di sottostare a stringenti regole a tutela dei capitali dei suoi investitori.

Conto demo: tra i requisiti di una valida piattaforma di trading online

Le piattaforme di trading più strutturate mettono a disposizione dei loro utenti appositi conti demo, ossia una sorta di palestra dove testare le proprie abilità da trader attraverso operazioni eseguite con cifre virtuali offerte dal broker. I conti demo sono completamente gratuiti e per accedervi è sufficiente compilare brevi form e fornire la propria email alla piattaforma che si desidera provare.

Subito dopo la registrazione, sul conto demo vengono accreditate cifre che possono variare dai 10.000€ ai 100.000€ virtuali: con questi importi è possibile iniziare a capire gli andamenti del mercato, fare le prime contrattazioni nonché mettere alla prova la piattaforma di trading, muovendosi però in totale sicurezza e senza porre a rischio capitali reali. I conti demo sono un valido metodo anche per sperimentare contemporaneamente più piattaforme e valutare quale sia quella più vicina ai propri bisogni.

Facilità d’uso: scegliere una piattaforma di trading intuitiva

Il massimo della produttività per un trader, dal più esperto al più novizio, è ottenuto dall’utilizzo di piattaforme di trading chiare e semplici da utilizzare, dalle interfacce intuitive e fluide. I migliori software di trading puntano a creare un’esperienza utente impeccabile, grazie a dashboards facili da comprendere, grafiche pratiche e comandi puliti. Anche le funzionalità più complesse di cui la piattaforma può essere dotata non devono essere ostacolate da una scarsa usabilità, che può far perdere al trader sia focus che istanti preziosi nella sua operatività.

Costi della piattaforma di trading online: come valutarli?

I costi di utilizzo sono un altro dei fattori da considerare quando si è di fronte alla scelta della giusta piattaforma di trading. Sono diverse le modalità con cui i broker monetizzano la loro attività, come ad esempio costi di utilizzo periodici della loro piattaforma o percentuali sull’eseguito, ma è importante accertarsi che non vengano imposti costi fissi eccessivi o commissioni in grado di minare i reali guadagni del trader.

Diverso è il discorso del deposito minimo iniziale che la piattaforma richiede per operare, che può variare da broker a broker ed è facilmente evincibile dalle sue FAQ. Da verificare prima di affidarsi ad una piattaforma è inoltre la presenza di circuiti di pagamento conosciuti, protetti da sistemi SSL ed avvalorati da certificazioni di affidabilità, come quelli delle principali carte di credito, di PayPal o Skrill.

Per confermare le proprie opinioni in merito ad un broker e finalizzare la propria scelta della giusta piattaforma di trading online è sempre bene controllare le opinioni di altri traders in rete, che possono aiutare a identificare facilmente eventuali truffe o semplici bug nel funzionamento di determinati software di trading online e fungere così da ottimi consigli nella decisione.

Fonte foto: https://www.pexels.com/it-it/foto/analisi-attrezzatura-banco-borsa-187041/

Coronavirus, online la nuova autocertificazione


Luce e gas, tornano a salire i prezzi in bolletta

4 Strategie per fidelizzare i clienti