Pietro Orlandi sulla commissione d'inchiesta per la sorella Emanuela, shock: "Gasparri non si impegna"
Vai al contenuto

Direttore: Alessandro Plateroti

Pietro Orlandi sulla commissione d’inchiesta per la sorella Emanuela, shock: “Gasparri non si impegna”

Pietro Orlandi

I dettagli sulla commissione d’inchiesta per le scomparse di Emanuela Orlandi e Mirella Gregori, e il ruolo controverso Maurizio Gasparri.

In Italia, la ricerca della verità sulle scomparse di Emanuela Orlandi e Mirella Gregori si scontra con un’attesa lunga decenni, evidenziando una complessa trama di impegno istituzionale e personale ritardi. Pietro Orlandi, fratello di Emanuela, esprime la sua frustrazione nei confronti di Maurizio Gasparri, senatore di Forza Italia, l’unico che ancora non ha nominato i membri mancanti per avviare la commissione bicamerale d’inchiesta. Questa commissione, approvata dopo un lungo processo legislativo, sembra ora bloccata alla sua linea di partenza.

Bonus 2024: tutte le agevolazioni

Emanuela Orlandi - Pietro Orlandi
Emanuela Orlandi – Pietro Orlandi

L’impegno della politica e l’ostacolo di Gasparri

La commissione d’inchiesta rappresenta un passo fondamentale nella lunga ricerca di giustizia per le famiglie Orlandi e Gregori, con 38 dei 40 nomi necessari già comunicati. La partecipazione trasversale di membri da Fratelli d’Italia, Lega, Movimento Cinque Stelle, Partito Democratico, e altri gruppi minori, riflette un ampio impegno politico. Tuttavia, l’inerzia di Gasparri mette in luce le sfide e le resistenze interne al processo legislativo e investigativo.

La commissione: tra speranza e critiche

Nonostante le critiche, la commissione d’inchiesta si pone come obiettivo la ricerca della verità, evitando la spettacolarizzazione del dolore. La posizione di Gasparri, che ha espresso riserve sull’efficacia della commissione, solleva questioni sul rispetto dei patti lateranensi e sull’inviolabilità dei “santi”, mostrando le complesse dinamiche tra Stato italiano e Vaticano.

La ricerca della verità è un percorso costellato di ostacoli burocratici e politici, ma la determinazione di famiglie e politici impegnati mostra una luce di speranza. La commissione d’inchiesta, una volta avviata, potrebbe offrire non solo risposte tanto attese ma anche un momento di riflessione sulle responsabilità istituzionali e sulla necessità di trasparenza e giustizia.

La storia di Emanuela Orlandi e Mirella Gregori rimane un simbolo potente della lotta contro l’oblio e l’indifferenza, invitando a una maggiore consapevolezza civica e istituzionale. Mentre la commissione attende di prendere il via, l’Italia osserva, sperando che la verità non sia più un’utopia ma un obiettivo raggiungibile attraverso l’impegno collettivo e l’integrità politica.

Riproduzione riservata © 2024 - NM

ultimo aggiornamento: 25 Febbraio 2024 14:13

Terrificante lite alla festa di compleanno: ucciso a coltellate da un parente

nl pixel