Lazio e calcio in lutto. E’ morto all’età di 76 anni Pino Wilson, storico capitano biancoceleste.

ROMA – Il mondo del calcio italiano è stato svegliato da una vera e propria tragedia: Pino Wilson è morto all’età di 76 anni. Lo storico capitano biancoceleste, come riportato dal Corriere dello Sport, si è spento nella giornata di domenica 6 marzo 2022 a causa di un ictus.

Una scomparsa che lascia un vuoto nel mondo del calcio italiano oltre che in quello della Lazio. La stella biancoceleste sarà tumulato nella stessa cappella della famiglia Maestrelli al cimitero di Prima Porta, dove c’è anche Giorgio Chinaglia. Tre bandiere della Lazio che resteranno per sempre insieme.

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Chi era Pino Wilson

Nato a Darlington il 27 ottobre 1945 fa mamma napoletana e soldato inglese, Giuseppe ‘Pino’ Wilson è ritornato in Italia da piccolo. Dopo aver militato nelle giovanili dell’Internapoli, ha iniziato la sua carriera nella squadra aziendale Cirio prima di passare ancora una volta all’Internapoli.

La svolta della sua carriera è arrivata sicuramente nel 1969 quando è arrivata la chiamata della Lazio. Un rapporto da subito molto forte tra lui e il club biancoceleste tanto da diventare anche il capitano e proprio con la fascia al braccio alzare lo Scudetto nel 1974. Un idolo per i tifosi, che in lui hanno sempre visto uno dei simboli insieme a Chinaglia e Maestrelli, che nell’anno del primo titolo sedeva in panchina.

Pallone calcio
Pallone calcio

La morte

La morte di Wilson è stata comunicata nella giornata di domenica 6 marzo 2022 a poche ore dalla vittoria della Lazio sul Cagliari. Un decesso causato da un ictus e siamo certi che nella serata del 14 l’Olimpico ricorderà una delle bandiere biancocelesti. Un omaggio dei tifosi destinato ad emozionare sia i presenti che anche tutti quelli che guarderanno da casa la partita tra Lazio e Venezia.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

calcio news

ultimo aggiornamento: 06-03-2022


Genoa, Blessin: “Rigorista? Non vogliamo scoprire le carte di chi tira”

Genoa, Blessin: “Salvezza? Io non mi arrenderò mai e nemmeno i ragazzi”