Omicidio in pieno giorno a Pisa: un parrucchiere è stato accoltellato ieri pomeriggio, davanti al suo negozio.

La vittima della vicenda è un parrucchiere di 30 anni, ucciso ieri pomeriggio a Pisa, nella zona della stazione. Il delitto si è consumato di fronte al suo negozio, in via Corridori. Dopo il gesto, l’aggressore si è consegnato alla polizia di sua spontanea volontà. 

L’omicidio risale alla giornata di ieri, domenica 7 agosto. La vittima è morta dopo essere stata aggredita con diversi colpi di arma da taglio. Era un parrucchiere, originario del Marocco. Stando alle prime ricostruzioni il 30enne sarebbe deceduto proprio di fronte al suo negozio, situato ne pressi della stazione ferroviaria.  

Erano le cinque del pomeriggio quando è accaduta la tragedia. Subito sul posto è giunto il personale medico del 118, chiamato dai passanti che hanno assistito alla scena. Purtroppo, per la vittima non c’è stato nient’altro da fare che constatarne il decesso: inutili i tentativi di rianimazione.  

Secondo quanto emerso da alcune fonti, l’aggressore sarebbe già in stato di fermo. Il parrucchiere con molta probabilità è deceduto a causa di una coltellata sul lato destro del petto. Poco prima delle coltellate, i due avrebbero avuto una discussione.  

Carabinieri

La vittima è caduta a terra, poi la brutale aggressione. Sul posto polizia e carabinieri, che hanno delimitato la zona dell’omicidio, al momento inaccessibile al personale non autorizzato. Ancora gli inquirenti sono al lavoro per ricostruire l’esatta dinamica degli eventi. 

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Il sindaco: “Servono controlli mirati ogni giorno”

Il sindaco di Pisa, Michele Conti, ha parlato dell’omicidio: “Un ragazzo è stato accoltellato in via Corridoni e purtroppo ha perso la vita. Le condoglianze mie e della comunità pisana giungano sentite alla famiglia. L’omicida si sarebbe già costituito alle forze dell’ordine”.  

E aggiunge: “L’episodio che ci lascia costernati è, mi spiace ripeterlo con rammarico, la dimostrazione di quello che dico in tutte le sedi e a tutti i prefetti e questori che si sono succeduti a Pisa negli ultimi quattro anni: nella zona della stazione serve un presidio fisso interforze che faccia controlli mirati ogni giorno! Ho chiesto più volte di intervenire a Questore e Prefetto, ma sono rimasto inascoltato, come tanti cittadini che segnalano e chiedono maggiore attenzione. Alla polizia municipale non può essere delegata, da sola, questa funzione: si pensi che, a un anno dalla nascita del NOSU, Nucleo operativo sicurezza urbana, sono stati eseguiti 80 arresti in flagranza, dei quali circa la metà nella zona della Stazione”.  

Riproduzione riservata © 2022 - NM

giallo

ultimo aggiornamento: 08-08-2022


27enne si suicida in carcere, Donatella: “Perdonatemi” 

Bergamo, 17 scout vittime di un’intossicazione