La Polonia ha intenzione di costruire una cortina di ferro per separare il confine polacco con l’exclave russo di Kaliningrad.

I soldati polacchi hanno steso un filo spinato lungo il confine con la Polonia e l’exclave russa di Kaliningrad. Il governo della Polonia, difatti, ha ordinato di costruire una sorta di barriera per impedire possibili sconfinamenti.

Difatti, il timore della Polonia è che possa aumentare considerevolmente il flusso dei profughi. La notizia è giunta attraverso una dichiarazione del ministro della Difesa Mariusz Blaszczak. Il ministro avrebbe inoltre precisato che la decisione in merito al confinamento è stata presa dopo l’attivazione di nuovi collegamenti aerei fra Kaliningrad e i Paesi di Medio Oriente e Nord Africa, che hanno allarmato lo Stato polacco.

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Blaszczak: “Obbiettivo del Cremlino era destabilizzarci”

Mariusz Blaszczak, Vice Primo Ministro nonché Ministro della Difesa della Polonia, ha dichiarato: “È una mia profonda convinzione che gli obiettivi del Cremlino erano quelli di operare una destabilizzazione della Polonia, per impedirci di sostenere l’Ucraina. Prima volevano destabilizzare la Polonia e quindi attaccare l’Ucraina. I soldati polacchi hanno un’esperienza adeguata, hanno difeso il confine polacco-bielorusso, sono convinto che difenderanno il confine polacco con la regione di Kaliningrad”.

Il ministro della difesa polacco Blaszczak ha spiegato che la costruzione è la stessa di quella già sorta alla frontiera fra Polonia e Bielorussia: lì i profughi cercano di entrare nell’Unione europea. Il gesto della Polonia sorge dalla medesima esigenza.

Esercito

Il filo spinato tra il territorio polacco la zona di Kaliningrad è lungo 210 chilometri. Si estende per alcune decine di chilometri anche lungo il Mar Baltico. Il confinamento sarà composto da tre fili spinati, dell’altezza di due metri e mezzo e larghi tre metri. Avrà inoltre un sistema di monitoraggio elettronico, con il dislocamento di telecamere lungo il perimetro.

All’interno del perimetro polacco, di fiano al filo spinato, verrà costruita anche una recinzione per fare in modo che gli animali non si feriscano con la costruzione. L’amministratore delegato dell’aeroporto Khrabrovo di Kaliningrad, Alexander Korytnyi, ha dichiarato all’agenzia di stampa russa Interfax il 3 ottobre che il suo aeroporto cercherà di “attirare compagnie aeree dai paesi del Golfo Persico e dell’Asia”. Inclusi Emirati Arabi Uniti e Qatar.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 03-11-2022


Il primo incidente diplomatico di Giorgia Meloni

L’accusa di Mosca: Kiev prepara la “bomba sporca” con l’Occidente