Il post di Cristiano Ronaldo su Instagram: “E’ tempo di riflessioni. I tifosi ci chiedono di più”.

ROMA – Il post di Cristiano Ronaldo su Instagram spaventa la Juventus. “La stagione 2019-2020 è finita più tardi del solito, ma troppo presto per noi – scrive sui social il portoghese – è tempo di riflessioni, di analizzare gli alti e bassi perché il pensiero critico è l’unico modo per migliorare. Un club enorme come la Juventus deve sempre pensare come il migliore del mondo. Vincere la Serie A in un anno così difficile è qualcosa di cui siamo orgogliosi“.

“Vogliamo tornare più forti di prima”

Anche se la parte finale del post potrebbe far sperare in una permanenza del portoghese: “I 37 gol con la Juventus e gli 11 con la Nazionale mi fanno affrontare il futuro con rinnovata ambizione e voglia di continuare a migliorare, ma i tifosi ci chiedono di più. Noi dobbiamo essere all’altezza delle più alte aspettative. Possa questo breve periodo di vacanza a tutti noi di prendere le migliori decisioni per il futuro e tornare più forti e impegnati che mai“.

Cristiano Ronaldo
Cristiano Ronaldo

La Juventus blinda Cristiano Ronaldo

Le parole di Cristiano Ronaldo mettono un po’ di timore ai tifosi della Juventus anche se la dirigenza bianconera ha sempre blindato il portoghese.

Possibili dei contatti al termine di questo periodo di riposo, ma non ci dovrebbe essere una separazione prima della scadenza del contratto. L’arrivo di Andrea Pirlo sembra essere un motivo in più per far rimanere il portoghese con un incontro che potrebbe essere decisivo per continuare la sua avventura in Italia. Un patto per cercare di continuare la striscia di successi in Italia e cercare di ottenere quei successi importanti anche a livello europeo. Le decisioni definitive, comunque, saranno prese al termine di questo periodo di riflessione che si è preso il portoghese per ricaricare le pile.

Perchè vaccinarsi contro l'influenza? Pro o contro

TAG:
calcio calcio news Cristiano Ronaldo Juventus sport

ultimo aggiornamento: 09-08-2020


La Juventus ad Andrea Pirlo

Sarri predicava nel deserto, in una Juve che non è mai stata la sua