Prada e Bertelli, colazioni indigeste: milioni di perdite per la loro Marchesi
Vai al contenuto

Direttore: Alessandro Plateroti

Prada e Bertelli, colazioni indigeste: milioni di perdite per la loro Marchesi

Prada e Bertelli, colazioni indigeste: milioni di perdite per la loro Marchesi

La società di ristorazione e di alta pasticceria controllata da Prada spa ha fatto registrare importanti perdite. I numeri horror.

Perdite importanti per la società di ristorazione e di alta pasticceria, Marchesi, presente con tre locali a Milano, Fondazione Prada e Londra. Una situazione che ha portato Miuccia Prada e suo marito Patrizio Bertelli e la loro Prada spa alla rinuncia di ben 8 milioni di crediti vantati verso l’azienda da loro controllata e rilevata nel 2014.

Bonus 2024: tutte le agevolazioni

Prada e Bertelli fanno fronte alle perdite della società Marchesi

Miuccia Prada e Patrizio Bertelli
Miuccia Prada e Patrizio Bertelli

Verrebbe da dire “colazioni indigeste” per i due imprenditori Miuccia Prada e Patrizio Bertelli che secondo quanto si apprende da Affaritaliani, qualche settimana fa, hanno dovuto rinunciare a 8 milioni di crediti vantati verso la società controllata Marchesi 1824, azienda di ristorazione e di alta pasticceria.

Tale rinuncia è stata obbligata dal fatto che la società abbia fatto registrare nel 2022 una perdita di oltre 5,1 milioni di euro che hanno peggiorato la situazione del patrimonio netto, portato in negativo per 2,2 milioni.

Nella Marchesi 1824, che vanta tre punti vendita a Milano, uno alla Fondazione Prada nel capoluogo lombardo e uno a Londra, lavorano ben 184 persone.

Numeri e costi

Secondo i numeri riportato da Affaritaliani, la perdita fatta registrre nel 2022 è peggiore di quella segnata nel 2021, pari a 4,9 milioni. Non solo. Già negli anni precedenti, l’azienda non aveva bei numeri. Nel 2018 ha perso 5,7 milioni, l’anno seguente 5,2 milioni e 5,8 milioni nel 2020. Quasi 27 milioni di rosso n cinque anni per Marchesi.

Un particolare dettaglio sulla società riguarda i costi sostenuti. Infatti, quelli delle materie prime sono aumentati da 2,5 a 7,2 milioni, quelli per servizi da 3,5 a 5,1 milioni mentre quelli per il personale da 4,9 a 6,7 milioni.

Riproduzione riservata © 2024 - NM

ultimo aggiornamento: 27 Settembre 2023 11:17

Gas russo e politiche UE: arriva la svolta inaspettata

nl pixel