Quali sono i Presidenti della Repubblica italiana: da Enrico De Nicola a Sergio Mattarella passando per Pertini, Ciampi e Napolitano.

Il primo presidente della Repubblica italiana fu Enrico De Nicola, che prese in mano le redini di un Paese reduce dal dramma della Seconda Guerra Mondiale. Il Presidente attualmente in carica è Sergio Mattarella. Andiamo a vedere quali sono i Presidenti della Repubblica italiana.

Italia
Italia

Terza dose Vaccino, a chi spetta prima e quanto dura.

I Presidenti della Repubblica italiana

Nel corso della storia della Repubblica italiana, al Quirinale si sono susseguiti personaggi che per un motivo o nell’altro avrebbero fatto la storia o comunque sarebbero rimasti nella storia. Non tutti sarebbero rimasti nel cuore degli italiani ma tutti hanno legato il proprio nome all’Italia.

Enrico De Nicola, 1946-1948

Inutile sottolineare la grande importanza di De Nicola nella storia italiana. Parliamo del primo Presidente nella storia della Repubblica. Nato a Napoli nel 1877, guidò lo Stato dal 1946, poi con l’approvazione e l’entrata in vigore della nuova Costituzione italiana rassegnò le dimissioni e fu eletto Presidente della Repubblica. Assunse la carica il 1 gennaio del 1948.

Luigi Einaudi 1948-1955

Esponente del Partito Liberale italiano, fu eletto al quarto scrutinio. Oltre che politico, fu stimato e apprezzato giornalista. Scrisse per alcuni dei principali quotidiani italiani ed internazionali, come il Corriere della Sera e The Economist.

Giovanni Gronchi 1955-1962

Nato nel 1887 a Pontedera, Gronchi, proveniente dal Partito Popolare italiano, fu eletto al quarto scrutinio e giurò l’11 maggio del 1955.

Antonio Segni 1962-1964

Nato a Sassari, Segni militò nel Ppi e ne divenne uno dei simboli. Eletto nel maggio del ’62, due anni più tardi rassegnò le dimissioni in seguito ad una trombosi cerebrale. Morì nel ’72.

Giuseppe Saragat 1964-1971

Al posto del dimissionario Segni fu eletto Giuseppe Saragat, torinese ed esponente del Partito Socialista democratico italiano. Fu eletto addirittura al ventunesimo scrutinio.

Giovanni Leone 1971-1978

Nato a Napoli, Leone era Democristiano. La sua elezione fu quantomeno combattuta. Venne eletto dopo ventitré scrutini. Nel corso del suo mandato presidenziale dovette fronteggiare uno dei casi che avrebbero fatto la storia d’Italia: il rapimento e l’uccisione di Aldo Moro. Leone si dimise proprio in seguito alla vicenda a causa delle polemiche che lo travolsero.

Sandro Pertini 1978-1985

Esponente del Psi, Pertini resta uno dei Presidenti della Repubblica più amati dagli italiani. Anche lui ha vissuto una pagina importante della storia d’Italia: i Mondiali di calcio del 1982. È un vero e proprio documento la fotografia che lo ritrae mentre gioca a carte con Bearzot e Dino Zoff durante il viaggio di ritorno dalla Spagna al termine dei Mondiali. Si dimise nel giugno dell’85, in prossimità della scadenza del mandato.

Francesco Cossiga 1985-1992

Esponente di spicco della Dc, Cossiga fu eletto al primo scrutinio dopo anni di incertezze, almeno dal punto di vista dell’andamento delle elezioni. Nel corso del suo mandato ricordiamo la caduta del Muro di Berlino. Si dimise nell’Aprile del 1992.

Oscar Luigi Scalfaro 1992-1999

Nono presidente e ultimo del ‘900, Scalfaro venne eletto a pochi giorni di distanza dalla strage di Capaci. Per quanto riguarda la storia, i suoi anni sono quelli di Tangentopoli.

Carlo Azeglio Ciampi 1999-2006

E siamo di fronte ad un altro Presidente della Repubblica particolarmente amato forse perché poco politico. Banchiere di professione, fu eletto nel maggio del 1999 al primo scrutinio. Nel corso del suo mandato divenne particolarmente amato dal popolo e apprezzato dal mondo della politica.

Giorgio Napolitano 2006-2012 e 2013-2015

Giorgio Napolitano è il Presidente del doppio mandato. Esponente del Partito Comunista italiano, fu eletto per la prima volta nel 2006 e poi nel 2015, accettando il bis al Quirinale, fu rieletto Presidente della Repubblica. Rassegnò le dimissioni nel 2015 per motivi legati all’età.

Sergio Mattarella 2015 –

Fratello di Piersanti Mattarella, ucciso dalla mafia nel 1980, Sergio Mattarella diventa Presidente della Repubblica nel 2015.

Sergio Mattarella
Sergio Mattarella

Chi è il Presidente della Repubblica

Il Presidente della Repubblica attualmente in carica è Sergio Mattarella, eletto nel 2015 e destinato a lasciare il Quirinale nel 2022, al termine del mandato.

Quanti anni dura il mandato del Presidente della Repubblica

Il mandato del Presidente della Repubblica dura sette anni e il conto inizia dalla data del giuramento. La durata settennale della carica fa sì che lo stesso Presidente della Repubblica non possa essere rieletto dalle stesse Camere in caso di secondo mandato.

Riproduzione riservata © 2021 - NM

ultimo aggiornamento: 12-11-2021


Bonus affitti under 31, come funziona e quali sono i requisiti

Chi è Marcello Pera, alternativa del Centrodestra a Berlusconi per la carica di Presidente della Repubblica