Il processo per gli appalti alla Asl di Benevento. Chiesti otto anni per Nunzia De Girolamo. Lei si difende: “Non ho fatto niente”.

ROMA – E’ entrato nella fase decisiva il processo per gli appalti alla Asl di Benevento. Come riportato dal Corriere della Sera, l’accusa ha avanzato una richiesta di condanna a otto anni per Nunzia De Girolamo. “Sono devastata – ha detto al quotidiano l’ex parlamentare – non ho fatto nulla di cui avere paura […]. Attendo fiduciosa la sentenza“.

De Girolamo: “Parliamo di fatti che risalgono al 2012”

Nell’intervista Nunzia De Girolamo si è detta molto amareggiata per quanto richiesto dal pubblico ministero: “E’ stato specificato che non ho agito per utilità personale. La stranezza è che io sia stata messa sotto accusa dentro una requisitoria che punta il mirino sulla politica. Parliamo di una vicenda che risale al 2012 e che avrebbe dovuto avere effetti nel 2013, quando mi ero candidata“.

Una vicenda che non cambia i suoi programmi: “Anche se sono i giudici a decidere sulle richieste di altri giudici, io attendo fiduciosa la sentenza“. Per lei è pronto il debutto in televisione come conduttrice: “Lo slittamento della mia trasmissione non è dovuto a questa sentenza. E’ una questione di palinsesti. Visto che la Carlucci chiude il programma molto tardi, abbiamo deciso di spostare il mio dopo la fine di Ballando con le stelle“.

Tribunale

La sentenza

Sugli appalti alla Asl di Benevento la sentenza è attesa nelle prossime ore. Una vicenda che, molto probabilmente, non si chiuderà in primo grado. L’accusa e la difesa sono pronte a ricorrere in Appello dopo la pubblicazione delle motivazioni della sentenza.

La richiesta è di una condanna a otto anni per Nunzia Di Girolamo. Da capire cosa decideranno i giudici che nei prossimi giorni leggeranno il verdetto sulla vicenda che risale al lontano 2012.

Coronavirus, online la nuova autocertificazione

TAG:
appalti asl benevento asl benevento cronaca Nunzia De Girolamo

ultimo aggiornamento: 03-10-2020


Mascherine, smart working e Natale, cosa ci aspetta nei prossimi mesi

Acqua alta a Venezia, il Mose ha funzionato