Processo bis sull’omicidio di Marco Vannini. La testimonianza di Federico Ciontoli.

ROMA – Processo bis sull’omicidio di Marco Vannini, ennesima partita giudiziaria dopo che la Cassazione ha annullato la sentenza di secondo grado.

Il processo bis sulla morte di Marco Vannini

I giudici sono chiamati a stabilire quelle che sono le responsabilità individuali nella tragedia che ha portato alla morte di Marco Vannini.

Il Pg chiede 14 anni per i Ciontoli

14 anni di reclusione per Antonio Ciontoli, la moglie e i due figli: è questa la richiesta avanzata dal procuratore generale di fronte ai giudici delle Corte d’Appello di Roma.

Tribunale
Tribunale

La testimonianza di Federico Ciontoli

Nella prima udienza è stato ascoltato Federico Ciontoli, il figlio del principale imputato: “Mio padre mi parlò di uno scherzo, e io gli credetti perché non c’era nessuna ragione per farlo – ha detto il giovane citato da Vanity Fairnon c’era niente che mi spinse a non credere in quello che mio padre chiamò colpo d’aria, del cui significato non mi interessai più di tanto essendo stato solo uno scherzo“.

Il primo processo

In occasione della Sentenza di primo grado, Ciontoli era stato condannato a 14 anni, mentre gli altri imputati a tre. Sentenza rivista in appello, dove i giudici avevano escluso il reato di omicidio volontario, trasformato in omicidio colposo. La pena sarebbe stata ridotta a cinque anni di reclusione. Sentenza annullata dalla Corte di Cassazione che ha disposto un nuovo processo, il processo bis.

Notizia in aggiornamento

Perchè vaccinarsi contro l'influenza? Pro o contro

TAG:
Antonio Ciontoli cronaca Federico Ciontoli Marco Vannini

ultimo aggiornamento: 16-09-2020


Inchiesta fondazione Open, accolto il ricorso di Carrai in Cassazione

Morte Cerciello Rega, Elder: “Chiedo scusa a tutti, la notte peggiore della mia vita”