La tomba di Alfredino Rampi è stata imbrattata con 11 svastiche. A segnalare l’accaduto, una donna di passaggio al cimitero Verano, di Roma.

Alfredino Rampi è il bambino morto 41 anni fa, per un tragico incidente. Rampi muore in tenera età, dopo essere precipitato in un pozzo, a Vermicino. Pochi giorni fa, la sua tomba è stata profanata, con il disegno di 11 svastiche, incise sulla lapide, tramite l’ausilio di un pennarello nero. Le svastiche si accompagnerebbero ad insulti ed ingiurie rivolte a Rampi. L’azione, profondamente deplorevole, ha scioccato l’intera città.

Alfredino è morto all’età di sei anni, il 13 Giugno del 1981. La tragica fine di Rampi, è entrata nell’albo nero della cronaca italiana più atroce e insensata. Alfredo cade in un pozzo artesiano e muore dopo circa tre giorni, fatti di strenui tentativi per salvarlo. L’evento è passato alla storia come “La tragedia di Vermicino”, luogo in cui è, appunto, avvenuto l’incidente.

Siamo nel Giugno del 1981. Alfredino è in vacanza con la famiglia, in una zona a ridosso tra Roma e Frascati. Il 10 Giugno, in serata, il bimbo esce per una passeggiata, accompagnato dal padre e da alcuni amici di famiglia. Papà Rampi, però, perde di vista il figlio e dà subito l’allarme alla polizia e ai soccorsi locali. Alfredo viene ritrovato dentro un pozzo, poco tempo dopo. Il bambino è ancora vivo. La caduta non è stata fatale per lui. Quello che risulterà fatale, sarà invece lo strenuo tentativo dei vani soccorsi per salvarlo, tirandolo fuori da quel pozzo maledetto. Nessuno riesce nell’impresa e Alfredino muore.

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Una donna si accorge della profanazione

Ma chi ha segnalato la terribile azione, avvenuta, ora, sulla sua tomba? A comunicare il fatto, è stata una visitatrice del Verano, cimitero monumentale della Capitale. Questo è quanto riportato da Tgr Lazio. La donna si è accorta della presenza delle svastiche, solo ieri. Questa, ha infatti dichiarato che dieci giorni fa, la lapide risultava essere ancora priva di danni.

cimitero
cimitero

Alessio d’Amato, Assessore alla Sanità della regione Lazio, si è espresso in questi termini al riguardo: “Voglio esprime la più ferma condanna alla vile profanazione della lapide di Alfredino Rampi. Una notizia che mai avremmo voluto leggere e che indigna profondamente. Mi auguro che al più presto i colpevoli vengano individuati dalle forze dell’ordine”.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 30-05-2022


La Russia ha interrotto il gas per l’Olanda

Embargo petrolio: trovato l’accordo Ue