Diversi pullman provenienti dall’Ucraina hanno raggiunto l’Italia: i primi profughi hanno raggiunto amici e parenti.

Sono arrivati in Italia i primi profughi in fuga dall’Ucraina, il Paese messo in ginocchio dal dramma e soprattutto dalla follia della guerra. Le persone, evidentemente provate, sono arrivate a Trieste e Piacenza ma sono diverse le città italiane che si sono dette disposte ad accogliere le persone in arrivo nei prossimi giorni.

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Guerra in Ucraina, i primi profughi hanno raggiunto l’Italia

Un pullman con a bordo una cinquantina di persone provenienti dall’Ucraina è arrivato nella giornata del 27 febbraio a Fernetti, Trieste. Il pullman è stato accolto dagli uomini delle forze dell’ordine, che hanno proceduto con le operazioni di controllo. Tutte le persone hanno raggiunto il nostro Paese per poi recarsi da amici o parenti.

Diversi pullman hanno raggiunto l’Italia. A bordo ci sono soprattutto anziani, donne e bambini, tutti alla ricerca di un posto migliore, tutti in fuga dal dramma della guerra. A bordo di un pullman che ha raggiunto la città di Piacenza c’era una bambina di appena nove mesi.

Kiev Ucraina
Kiev Ucraina

L’accoglienza a livello europeo

Anche l’Europa inizia a ragionare sul tema dell’accoglienza. Secondo le prime stime in Europa potrebbero arrivare addirittura milioni di rifugiati. Numeri che costringono Bruxelles ad organizzare un meccanismo di accoglienza ben strutturato. I profughi devono essere divisi tra i vari Paesi europei a seconda delle disponibilità. L’Ue ha il dovere e l’obbligo morale di prestare soccorso e accoglienza a queste persone che sono state abbandonate al proprio destino, costrette a lasciare la propria casa, i propri averi e spesso i propri cari per trovare un posto sicuro, lontano dal dramma e dalla distruzione del conflitto.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 27-02-2022


Il miracolo di Mia, la bambina nata nei sotterranei della metropolitana di Kiev durante i bombardamenti

Quali sono le forze di deterrenza della Russia