Via libera alla proroga dei certificati di esenzione dal vaccino contro il Covid: cosa cambia e chi ne ha diritto.

Come comunicato dal Ministero della Salute in una circolare, sono stati prorogati i certificati di esenzione dalla vaccinazione contro il Covid. La proroga riguarda sia la validità dei certificati che la possibilità di rilascio dei certificati di esenzione che attestano che il possessore del certificato non può fare il vaccino contro il Covid per motivi medici/clinici come ad esempio patologie non compatibili con la somministrazione del vaccino.

Vaccino Covid
Vaccino Covid

Green Pass obbligatorio, tutte le regole da rispettare

Vaccino Covid, come funziona la proroga dei certificati di esenzione

Come specificato nella circolare diramata dal Ministero della Salute, la proroga sposta la scadenza della certificazione al 30 novembre 2021. Fino a quella data le certificazioni sono da considerarsi valide. Il Ministero specifica che non è necessario il nuovo rilascio di certificazioni già emesse “salvo i casi in cui le stesse contengano dati del soggetto interessato, ulteriori rispetto a quelli indicati per la loro compilazione, a carattere sensibile (es. motivazione clinica della esenzione)“.

La proroga, come detto, riguarda anche il rilascio. Questo significa che fio al prossimo 30 novembre sarà possibile per medici e personale sanitario addetto, rilasciare certificati di esenzione dalla vaccinazione.

Vaccino Covid
Vaccino Covid

Chi è esentato dalla vaccinazione?

Ma chi sono i soggetti esentati dalla campagna di vaccinazione che quindi possono richiedere il certificato? L’esenzione scatta in “presenza di specifiche condizioni cliniche documentate, che la controindichino in maniera permanente o temporanea“. Sono esentate persone con particolari patologie pregresse ma sono esentate anche le persone che hanno manifestato effetti collaterali gravi dopo la somministrazione della prima dose di vaccino.

Come visto negli ultimi giorni, la vaccinazione non è controindicata in gravidanza ma è possibile per la mamma in attesa rimandare temporaneamente la somministrazione del vaccino, che può essere somministrato anche durante la fase dell’allattamento.

In caso di dubbi è bene consultare il proprio medico per capire se si abbia o meno diritto all’esenzione, anche perché il prossimo 15 ottobre entra in vigore la maxi stretta sul Green Pass. E per evitare multe o sospensioni dello stipendio la legittima esenzione dalla vaccinazione contro il Covid deve essere attestata dal medico o dalle autorità sanitarie competenti indicate dal Ministero della Salute.

coronavirus vaccino coronavirus

ultimo aggiornamento: 26-09-2021


Il caso Milingo, l’arcivescovo scomunicato dal Vaticano

Ancona, muore di Covid a quasi 80 anni: non era vaccinato e i familiari non volevano farlo intubare