Covid, via libera alla proroga dello stato di emergenza fino al prossimo 31 gennaio 2021. La Camera approva le risoluzioni della maggioranza.

Via libera in Italia alla proroga dello Stato di emergenza fino al 31 gennaio per il coronavirus. Il semaforo verde è scattato dopo il voto della Camera sulla risoluzione presentata dalla maggioranza sulle comunicazioni del Ministro della Salute Roberto Speranza.

Camera dei Deputati Parlamento
Camera dei Deputati Parlamento

Coronavirus, proroga dello stato di emergenza fino al 31 gennaio 2021

La risoluzione votata e approvata dalla Camera propone l’introduzione dell’obbligo di indossare la mascherina anche all’aperto per tutta la giornata e la proroga dello Stato di emergenza fino al prossimo 31 gennaio 2021.

Dopo il via libera della Camera è iniziato il Consiglio dei Ministri convocato dal Presidente del Consiglio Giuseppe Conte per l’approvazione delle norme contenute nel nuovo dpcm.

Giuseppe Conte
Giuseppe Conte

Il nuovo Dpcm

Come anticipato dal ministro Speranza in occasione del suo intervento in Parlamento, con il nuovo dpcm si procede con un primo rafforzamento alle norme essenziali contro il coronavirus. La novità principale è rappresentata dall’obbligo di indossare le mascherine anche all’aperto. Si tratta della stretta più significativa che dovrebbe essere introdotta con il nuovo decreto.

L’obbligo di indossare il dispositivo di protezione scatta “all’aperto allorché si sia in prossimità di altre persone non conviventi“.Sono esentati i bambini di età inferiore ai sei anni, chi fa sport e le persone con patologie e disabilità non compatibili con l’uso della mascherina.

La novità collegata alla proroga dello Stato di emergenza interessa l’App Immuni, che resta operativa fino al 31 dicembre 2021. Si procede quindi con la proroga per 12 mesi rispetto alla scadenza originaria, fissata per il 31 dicembre 2020.

Coronavirus, online la nuova autocertificazione


Mascherine e paletti alle Regioni, cosa prevede il nuovo decreto

Il presidente Mattarella conferisce la medaglia d’oro a Willy Monteiro e don Malgesini