Stato di emergenza, Meloni contro Conte: "Deriva liberticida"

Proroga dello Stato di emergenza, Meloni contro Conte in Aula: ‘Una deriva liberticida’

La leader di Fratelli d’Italia Giorgia Meloni attacca il premier Conte sulla proroga dello stato di emergenza: “Vi serve per consolidare il potere”.

Nel suo intervento alla Camera dei Deputati in occasione delle comunicazioni del premier Conte sulla proroga dello stato di emergenza, Giorgia Meloni ha duramente attaccato il premier e il governo parlando di una deriva liberticida.

Di seguito il video della seduta alla Camera dei Deputati del 29 luglio

Proroga dello stato di emergenza, Giorgia Meloni: “Una deriva liberticida messa in atto dal governo”

Quello che sta accadendo è gravissimo, un tassello della deriva liberticida messa in atto dal governo [….], non c’è altra spiegazione […]. Forse il Presidente Conte si sente ormai così potente da poter venire qui a deridere il Parlamento della Repubblica”, esordisce Giorgia Meloni.

La leader di Fratelli d’Italia parla della situazione europea, dove nessun Paese ha prorogato lo stato di emergenza.

Nell’Europa non c’è una sola nazione che abbia prorogato lo stato di emergenza […]. Se il parlamento può essere convocato in 24 ore per i giochi di Palazzo può essere convocato anche lo stato di emergenza”.

Giorgia Meloni
Giorgia Meloni

Giorgia Meloni: “Lo stato di emergenza vi serve per consolidare il potere”

Il problema non è il contagio, il problema sono i poteri del governo […]. In pratica dovremmo prorogare lo stato di emergenza per permettere alla Azzolina di comprare i banchi con le rotelle così ragazzi giocheranno all’auto-scontro in classe”.

Lo stato di emergenza vi serve per consolidare il potere, fare quello che volete senza regole e controlli […]. Avete imparato la lezione: lo stato di emergenza consolida il governo, non perché siate bravi, è un fatto sociologico [….]. In tutto il mondo il consenso nei confronti dei governi è cresciuto durante il coronavirus […]. La paura vi genera consenso“.

Cosa c’entra con il Covid la proroga della concessione aeroportuale di Fiumicino ai Benetton, che vale un regalo da oltre un miliardo? Poi c’è la sanatoria dei migranti nel decreto Rilancio“, attacca Giorgia Meloni.

Non renderemo tutto vano per la sua furia immigrazionista. La nostra responsabilità ci impedisce di essere conniventi. Non vi daremo tregua fin quando non restituirete agli italiani la libertà”.

ultimo aggiornamento: 29-07-2020

X