Il costo dei carburanti continuerà ancora ad attestarsi su 30 centesimi in meno. Il ministro di Economia e Finanze, firma il decreto.

Il secondo firmatario del decreto, relativo alla proroga dello sconto di 30 centesimi sui carburanti, è il ministro della Transizione Ecologica, Roberto Cingolani. “Il Decreto Interministeriale proroga fino al 5 ottobre, le misure attualmente in vigore per ridurre il prezzo finale dei carburanti”, spiega una nota diffusa dal governo. “Si estende così fino a tale data, il taglio di 30 centesimi al litro per benzina, diesel, gpl e metano per autotrazione”. In altre parole, viene confermato il taglio delle accise, altrimenti in decadenza già dal 21 settembre prossimo per via del decreto Aiuti bis.

pompe di benzina
pompe di benzina

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

La proroga

Quest’ultima proroga del governo Draghi, avrà un costo di mezzo miliardo di euro. Successivamente, bisognerà capire quale sarà la politica del nuovo governo, anche se è impossibile che resterà in carica fino alla scadenza del 5 ottobre. Quindi, sarà probabile un’ulteriore proroga.

Soprattutto perchè, stando agli osservatori, i prezzi sono nuovamente in risalita. In base all’elaborazione di ‘Quotidiano energia’ sui dati comunicati dai gestori all’Osservaprezzi del ministero dello Sviluppo economico, il prezzo medio nazionale praticato della benzina in modalità self è 1,775 euro al litro (1,769 il dato precedente). Il prezzo medio praticato del diesel self, aumenta a 1,848 euro al litro (1,834 il livello di ieri). I prezzi praticati del Gpl si posizionano tra 0,802 a 0,830 euro al litro. Il prezzo medio del metano auto si colloca tra 2,500 e 3,049 euro al kg.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 31-08-2022


Bollettino Covid, ricoveri in diminuzione 

Il fegato di una 16enne salva bimba ucraina