Il leader del Cremlino è volato in un altro paese nel mirino delle sanzioni occidentali: l’Iran.

Il presidente russo non si arrende alle sanzioni e all’avanzare della Nato verso Est e cerca nuovi orizzonti per creare un’asse anti-Nato. Putin ieri è andato a Teheran in un vertice con Raisi e Erdogan come mediatore. Mentre rafforza la sua alleanza con la Cina antioccidentale di Xi Jinping porta dalla sua parte anche l’Iran acerrimo nemico di Washington perché oggetto di sanzioni da parte dell’Occidente. Sul tavolo del vertice la guerra in Ucraina e quella in Siria.

Mentre il presidente Erdogan pone la Turchia nella zona grigia dell’ambiguità, nella Nato ma anche con la Russia e il Medio Oriente tutto per fare i propri interessi, l’Iran prende le parti della Russia nel conflitto in Ucraina. Putin è riuscito così a portare dalla sua parte la repubblica islamica mentre nessun altro dei paesi del Medio Oriente alleati dell’Occidente ha preso le parti dell’Ucraina. Per Khamenei, la guida religiosa e spirituale dell’Iran «La guerra è uno sforzo violento e difficile, e la Repubblica Islamica non è per niente felice che le persone ne siano colpite. Se non aveste preso l’iniziativa, la guerra sarebbe stata iniziata dall’Occidente».

bandiera Iran
bandiera Iran

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Anche Teheran entra in gioco al fianco del Cremlino

A livello internazionale la Russia è isolata, così come l’Iran ostile sia ai paesi arabi sia a Israele soggetta a sanzioni da parte dell’Occidente. Per questo ad unire i due paesi, come sta avvenendo anche per le altre relazioni del Cremlino, è l’odio nei confronti dell’Occidente e la sopravvivenza alle sanzioni imposte dai paesi democratici. I due hanno rafforzato l’alleanza economica per cercare di aggirare le sanzioni e non restare isolati.

Iran e Russia hanno intenzione di creare un nuovo sistema di pagamento bancario essendo entrambi esclusi dallo Swift. “Il dollaro dovrebbe essere gradualmente tolto dal commercio globale” ha detto l’Ayatollah Khamenei. Inoltre, tra i vari accordi c’è chi presume che ci sia anche la fornitura di droni armati da parte dell’Iran a Mosca per la guerra contro l’Ucraina. Ma nessuno dei due paesi ha confermato.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 20-07-2022


Sindrome post-Covid: di cosa si tratta? 

Pechino tenta di riavvicinarsi a Bruxelles