Putin ha lanciato una chiara provocazione agli USA compiendo un’azione che non piacerà a Biden.

Il presidente russo Valdimir Putin ha concesso la cittadinanza russa a Edward Snowden, l’ex talpa Usa che ha rivelato i segreti del sistema di spionaggio statunitense. Si tratta di una vera e propria provocazione nei confronti del leader Usa, Joe Biden. Dall’America la risposta è stata: “Non cambia niente”.

Adesso Edward Snowden è un cittadino russo. Snowden è l’ex talpa statunitense scappata nel 2013 in Russia per fuggire dal governo degli Stati Uniti, che aveva emesso un ordine di carcerazione nei suoi confronti. Secondo quanto appreso, Edward Snowden aveva rivelato i segreti del sistema di spionaggio statunitense. Ad oggi, ha ricevuto la cittadinanza russa dal presidente Vladimir Putin.

Vladimir Putin

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

La provocazione agli Usa

Questo gesto rappresenta una grave provocazione del Cremlino nei confronti del governo Usa. Difatti, a causa della guerra tra Russia e Ucraina, i rapporti tra il Cremlino e gli Usa sono piuttosto tesi. Il gesto di Vladimir Putin trova le sue motivazioni nel fatto che, gli Usa, sarebbero intervenuti – anche se indirettamente – nel conflitto con l’Ucraina consegnando a quest’ultima materiale bellico per combattere la guerra.

La risposta degli Stati Uniti è stata immediata: il portavoce del Dipartimento di Stato Ned Price che ha spiegato che “non cambia nulla”, spiegando anche che la giustizia americana continuerà a perseguirlo per la diffusione di informazioni classificate.

Il decreto del presidente del Cremlino

Il presidente russo Vladimir Putin, firmando un decreto, ha quindi concesso la cittadinanza all’americano Edward Snowden. Ad oggi il ricercato Usa vive in Russia da più di nove anni dopo la divulgazione di informazioni sui programmi di sorveglianza delle agenzie di intelligence statunitensi. Il decreto 72 di Putin, pubblicato lunedì, elenca i nomi delle persone a cui concede la cittadinanza, incluso Snowden. Il Cremlino non ha commentato in modo specifico la concessione della cittadinanza.

L’ex dipendente della National Security Agency (NSA) ha richiesto la cittadinanza russa nel novembre 2020. Lui e sua moglie Lindsey Mills stavano aspettando un bambino in quel momento. Snowden ha sottolineato che lui e sua moglie sarebbero “rimasti americani”. Inoltre cresceranno il figlio “secondo i valori americani”, come la libertà di opinione.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 27-09-2022


NASA, sonda DART si schianta contro un asteroide  

La minaccia russa su le armi nucleari è reale