Vladimir Putin risponde al duro attacco di Joe Biden: “Gli auguro buona salute. Gli direi: Sii sano”.

Vladimir Putin risponde a Joe Biden con poche parole che possono essere interpretate come un tentativo di smorzare la tensione o come una semplice frase di rito per non giocare a carte scoperte.

Le accuse di Biden a Vladimir Putin

Biden, nel corso di una intervista alla ABC, aveva definito Putin un killer e aveva fatto sapere che il Presidente avrebbe pagato un prezzo per il tentativo di influenzare le elezioni presidenziali del 2020.

La prima reazione è arrivata da funzionari e uomini delle istituzioni della Russia, che hanno chiesto le scuse di Joe Biden.

Joe Biden
Joe Biden

Putin risponde a Biden: “Gli auguro buona salute”

Nella giornata del 18 marzo, a diverse ore dall’intervista di Biden, è arrivata la risposta di Vladimir Putin.

“Per quanto riguarda la dichiarazione del mio collega americano, come ha detto lui stesso ci conosciamo personalmente. Cosa gli risponderei? Gli direi: sii sano! Gli auguro buona salute”.

Una frase apparentemente sibillina, ma Putin ha voluto chiarire che le sue erano parole sincere, sentite, vere, senza doppi sensi o messaggi velati.

Vladimir Putin
Vladimir Putin

Le relazioni internazionali della Russia

Putin ha poi parlato dei rapporti internazionali della Russia facendo sapere che l’intenzione di Mosca è quella di curare i rapporti anche con gli Stati Uniti.

“La Russia svilupperà rapporti con tutti i Paesi del mondo, compresi gli Stati Uniti”.

Mosca richiama l’ambasciatore

Nonostante le parole di Vladimir Putin le relazioni tra i Paesi restano particolarmente tese. Approfittando anche dei primi 100 giorni di Biden alla Casa Bianca, Mosca ha richiamato l’ambasciatore per fare il punto della situazione sui rapporti tra i due Paesi. Una mossa sicuramente eclatante che porta la situazione verso una pericolosa fase di stallo.

TAG:
primo piano

ultimo aggiornamento: 18-03-2021


Giornata nazionale vittime del Covid, Draghi a Bergamo: “Lo Stato c’è e ci sarà”

La Spagna legalizza l’eutanasia. Sanchez, “Paese più umano”